Economia: alla Lumsa di Palermo tavola rotonda sull'impresa :ilSicilia.it
Palermo

Venerdì 11 Ottobre

Economia: alla Lumsa di Palermo tavola rotonda sull’impresa

9 Ottobre 2019

Venerdì 11 Ottobre 2019, dalle ore 9:00, presso l’aula magna del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università LUMSA di Palermo, si svolgerà una “tavola rotonda” sul tema “I soggetti apicali dell’impresa”.

L’iniziativa è promossa dal professor Armando Catania, in collaborazione con OPERES s.r.l.

Presenti alla giornata di studio tanti docenti universitari di diritto commerciale, rappresentanti qualificati del mondo accademico italiano e spagnolo: Niccolò Abriani (Università degli Studi di Firenze), Carlo Bavetta (Università degli Studi di Palermo), Giuseppe Ferri jr. (Università degli Studi di Roma Tor Vergata), Chiara Garilli (Università degli Studi di Palermo), Fabrizio Guerrera (Università degli Studi di Messina), Renato Mangano (Università degli Studi di Palermo), David Perez Millan (Università degli Studi Complutense di Madrid), Michele Perrino (Università degli Studi di Palermo), Andrès Recalde Castells (Università Autonoma di Madrid), Roberto Weigmann (Università degli Studi di Torino).

Per il mondo accademico presenti anche i docenti universitari Guido Smorto (Diritto comparato, Università degli Studi di Palermo) ed Ernesto Somma (Economia industriale, Università degli Studi di Bari).

Per il mondo dell’impresa, in particolare, hanno assicurato la loro presenza Giulio Di Negro (Chief Financial Officer, Piaggio-AEROSPACE s.p.a.) e Andrea Parrella (General Counsel Leonardo-FINMECCANICA s.p.a.).

I lavori saranno preceduti dai saluti del professor Giampaolo Frezza, prorettore alla Didattica e al Diritto allo studio dell’Università Lumsa e del professor Gabriele Carapezza Figlia, direttore del Dipartimento Giurisprudenza di Palermo, prima di una introduzione alla discussione a cura del professor Armando Catania.

Al centro dell’evento una riflessione sull’attuale collocazione della categoria dirigenziale nell’ambito della struttura organizzativa dell’impresa italiana. Esaminando le opposte spinte nella direzione dell’espansione, ovvero della concentrazione dei ruoli apicali rispetto alle comuni posizioni di vertice, si analizzerà se la categoria dirigenziale abbisogni – come, verosimilmente, in altri ordinamenti giuridici stranieri (Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna e Stati Uniti) – di una diversa identificazione dei caratteri distintivi delle figure alla stessa riconducibili.

Durante la giornata si guarderà tanto ai riferimenti della scarna legislazione italiana dedicata alla materia – interessata da una costante evoluzione giurisprudenziale – , quanto agli approdi della copiosa contrattazione collettiva/centrale nella ricostruzione dei profili professionali oggetto dell’indagine scientifica; con più di uno spunto per l’individuazione dei tratti propri della categoria dirigenziale nel nuovo equilibrio dei poteri risultante dalla più recente riforma degli assetti organizzativi dell’impresa.

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.