Economia: il design siciliano si distingue al "The Big 5" di Dubai :ilSicilia.it

SODDISFATTO L'ASSESSORE MIMMO TURANO

Economia: il design siciliano si distingue al “The Big 5” di Dubai

di
2 Dicembre 2019

Si è da poco concluso il “The Big 5” di Dubai, la più importante manifestazione dedicata all’edilizia per il Medio Oriente, a cui hanno preso parte trentasei comuni siciliani.

Dal 25 al 28 novembre la capitale di uno dei sette emirati che compongono gli Emirati Arabi Uniti è stata anche centro dell’edilizia internazionale.

A questo evento, inaugurato dallo sceicco Ahmed bin Saeed Al Maktoum, si sono incontrati e confrontati i più grandi nomi del mondo delle costruzioni.

La fiera ha visto la partecipazione di oltre 2.300 espositori e l’afflusso di quasi 70.000 operatori professionali, provenienti da 130 paesi.

PRESENZA SICILIANA ALL’EVENTO

La collettiva dell’Isola ha portato negli Emirati diversi progetti e idee tra cui:

  • progettazione integrata e design per interni;
  • mobili e complementi d’arredo di grande pregio e stile;
  • i marmi siciliani;
  • i prodotti legati all’edilizia e alle costruzioni.

Inoltre è entrata in contatto con buyers di Arabia Saudita, Oman, Iraq, Iran, Kuwait e ancora Bahrein, Nigeria e India.

Grandissima attenzione per il design italiano ed anche per una start up siciliana che produce apparecchiature per la casa intelligente e connessa.

Mimmo Turano
Mimmo Turano

La presenza della Regione Siciliana a The Big 5 è una sorta di preludio a Expo 2020, l’esposizione mondiale che si svolgerà proprio a Dubai tra il 2020 e il 2021″

Sottolinea l’assessore regionale alle Attività produttive, Mimmo Turano, che poi aggiunge:

“Era dunque molto importante essere negli Emirati Arabi e per questo abbiamo voluto agevolare la partecipazione di un nutrito gruppo d’imprese per avere anche l’opportunità di accedere ad un mercato di grande interesse nel settore edilizio come quello mediorientale“.

La partecipazione delle imprese all’evento è stata possibile grazie al finanziamento offerto dall’Assessorato regionale delle Attività produttive.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.