Efebo d'Oro: arte e letteratura per un'edizione dal respiro internazionale :ilSicilia.it
Palermo

E' la numero 39

Efebo d’Oro: arte e letteratura per un’edizione dal respiro internazionale

di
31 Ottobre 2017

La 39ma edizione del premio Efebo d’Oro, rassegna che attraversa i grandi temi contemporanei con uno sguardo complesso e mai banale, presenta, anche quest’anno, una programmazione che punta all’originalità e alla qualità.

Dal 12 al 18 novembre, infatti, al Cinema De Seta ai Cantieri Culturali della Zisa, si potrà assistere a proiezioni di lungometraggi, anche in prima visione, corti, opere di videoarte, incontri con autori, registi, scrittori, attori, saggisti, giornalisti.

Come già annunciato il Premio alla carriera della Banca Popolare Sant’Angelo sarà assegnato al famoso scrittore, sceneggiatore, drammaturgo e regista anglo-pakistano Hanif Kureishi.

Il Premio “Città di Palermo” per i Nuovi linguaggi sarà assegnato, invece, a Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, videoartisti apprezzati e premiati in tutto il mondo.

La 39ma edizione aprirà con una bellissima anteprima che la collega idealmente alle due edizioni precedenti: sabato 12 novembre, alle ore 21, si proietta “Visages, Villages” della regista Agnès Varda e JR, “fotografo di strada”, autore di gigantesche immagini che diventano murales.

JR è l’autore di “Ellis“, l’emozionante video interpretato da Robert De Niro che ha aperto l’Efebo d’oro 2015, anno in cui la Varda veniva premiata a Palermo con l’Efebo d’oro alla carriera.

Hanif Kureishi - credit Kier Kureishi MRA Kureishi sarà dedicata una retrospettiva, dal 13 al 17 novembre, con otto film da lui sceneggiati o tratti da sue opere tra i quali “My Beautiful Laundrette“, di Stephen Frears, candidato nel 1985 al Premio Oscar per la sceneggiatura.

Venerdi 17 novembre alle 19 lo scrittore parteciperà a un incontro con il pubblico al De Seta e alle 22,30 assisterà alla proiezione del suo film “London kills me“.

L’omaggio a Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, cineasti indipendenti tra il cinema e la pittura, presenti con i loro film e le installazioni nelle collezioni del MoMA a New York, del The Museum of Modern Art di Yokohama, del British Film Institute di Londra, della Cinémathèque Française, per citarne alcuni, li vedrà partecipare, giovedì 16 novembre, alle 16, ad un incontro al Teatro Garibaldi, condotto da Frédéric Bonnaud, giornalista e conduttore della radio francese, direttore della Cinémathèque française. Durante la manifestazione verranno proiettate alcune loro opere.

Il riconoscimento per il miglior saggio di cinema quest’anno va a Ivelise Perniola per il volume “Gillo Pontecorvo o del cinema necessario” pubblicato da ETS nel 2016.

Da lunedì 13 novembre, al cinema De Seta dei Cantieri culturali alla Zisa, saranno proiettati gli otto film tratti da opere letterarie tra i quali la Giuria sceglierà quello premiato: “La mia vita da Zucchina” di Claude Barras, film d’animazione in stop-motion arrivato fino alla candidatura ai Golden Globe e ai Premi Oscar 2017; “Lady Macbeth” di William Oldroyd, prodotto da BBC Films e British Film Institute; “La pelle dell’orso” dell’esordiente Marco Segato, con Marco Paolini, coprodotto da Rai Cinema; “Elle” di Paul Verhoeven con Isabelle Huppert; “Monolith” di Ivan Silvestrini, un’ibridazione intelligente tra l’universo dei comics e quello del cinema; “Return to Montauk“, del regista Palma d’oro e Premio Oscar Volker Schlöndorff, in concorso al Festival di Berlino 2017 e inedito in Italia; “Naples ‘44” del regista napoletano Francesco Patierno, che sarà presente in sala e “Corniche Kennedy” della regista franco-algerina Dominique Cabrera, che rivolge uno sguardo particolare alla vita sociale delle periferie.

In programma anche quattro proiezioni speciali: “Libere, disobbedienti, innamorate” della regista palestinese Maysaloun Hamoud, che sarà presente; “In the Last Days of the City del regista indipendente egiziano Tamer El Said, anch’egli presente a Palermo; “Cinema grattacielo” di Marco Bertozzi, che incontrerà il pubblico mercoledì 15 novembre, e “Quell’estate felice” di Beppe Cino.

Tutte le mattine, sempre al cinema De Seta, saranno effettuate proiezioni per le scuole.

La cerimonia di premiazione della 39ma edizione dell’Efebo d’oro, guidata dal direttore artistico Giovanni Massa, si svolgerà al cinema De Seta sabato 18 novembre alle 18,30. Alle 20,30, infine, la proiezione del film Efebo d’oro 2017.

La manifestazione è realizzata con il contributo di Ministero dei Beni Culturali, Direzione Generale Cinema, della Regione Siciliana, Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo – Ufficio speciale per il Cinema e l’Audiovisivo / Sicilia Film Commission nell’ambito del Programma Sensi Contemporanei – Cinema e Audiovisivo, della Città di Palermo, Assessorato alla Cultura. Main Sponsor Banca Popolare Sant’Angelo.

La 39ma edizione dell’Efebo d’oro è organizzata in collaborazione con Garante per l’infanzia e l’adolescenza del Comune di Palermo, Centro Tau, Manifesta 12, Cineteca di Bologna, Centro Sperimentale di Cinematografia-sede Sicilia, Institut Français Palermo, Gesap, Libreria Modus Vivendi, Ferribotte film, Rotary Club Palermo Sud, Ande, Lions Palermo dei Vespri, L&D, Mazda-Isvautodue, Sallier de la Tour.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin