Efebo d'Oro: ecco i vincitori della 39esima edizione [Fotogallery] :ilSicilia.it
Palermo

Stasera la consegna delle statuette

Efebo d’Oro: ecco i vincitori della 39esima edizione [Fotogallery]

18 Novembre 2017
dominique-cabrera
Hanif Kureishi
lola-creton
tamer-el-said
yervant-gianikian-e-angela-ricci-lucchi

Dopo i riconoscimenti già annunciati per la 39esima edizione dell’ Efebo d’Oro, premio internazionale di cinema e narrativa, allo scrittore Hanif Kureishi, premio alla carriera, e agli artisti Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi, premio Nuovi Linguaggi – Città di Palermo, sono stati annunciati i vincitori delle altre sezioni.

Il l’Efebo d’Oro per il film è stato assegnato a Dominique Cabrera per “Corniche Kennedy“, tratto dall’omonimo romanzo di Maylis de Kerangal.

Sono molto contenta di aver ricevuto questo premio – ha detto la Cabrera – perché quando ho fatto questo film ho pensato al Mediterraneo e il fatto che sia l’Italia a riconoscer merito alla pellicola è un onore; l’oro dell’Efebo lo associo all’idea che ho cucito addosso ai protagonisti del film, che come statue dorate mostrano tutta la loro bellezza“.

Per lo stesso film ha ricevuto il premio ANDE (Associazione Nazionale Donne Elettrici) l’attrice protagonista Lola Cretonper aver costruito, con il personaggio centrale del film uno spontaneo e carismatico carattere che restituisce tutte le sfumature di una crisi generazionale che tutti ci riguarda, così contribuendo ad aprire uno squarcio di luce nella complessa realtà mediterranea”.

Miglior esordiente, che riceve il premio dai Lions, il regista egiziano indipendente Tamer El Said per il film “In the Last Days of the City“.

Nel 2009 il regime instaurato da Osni Mubarak inizia a mostrare le prime crepe dinanzi alle manifestazioni di piazza. Dopo una lunga gestazione (250 ore di girato tra il 2008 e il 2010, ridotte a due nella versione definitiva), Tamer El Said compone un requiem di odio/amore per una città in dissoluzione, che è anche una riflessione sul ruolo del cinema.

Un’opera libera in cui i modi del documentario si fondono inestricabilmente al cinema di finzione, fino a dissolvere ogni distinzione di linguaggio. Attualmente la pellicola è censurata in Egitto, paese natale del regista.

Il riconoscimento per il miglior saggio di cinema assegnato dalla Giuria va a Ivelise Perniola per il volume “Gillo Pontecorvo o del cinema necessario” pubblicato da ETS nel 2016.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.