Elezione Quirinale, i grandi elettori saranno scelti nell'Ars: sfumata l'ipotesi di esterni :ilSicilia.it

domani la decisione

Elezione Quirinale, i grandi elettori saranno scelti nell’Ars: sfumata l’ipotesi di esterni

di
11 Gennaio 2022

L’elezione dei grandi elettori all’Ars misurerà i pesi all’interno della maggioranza ma sarà anche un “test” per le coalizioni per i futuri appuntamenti amministrativi e regionali. Sfumata l’ipotesi di eleggere un esterno all’Assemblea regionale, il campo di gioco domani sarà tutto interno a Sala D’Ercole.

L’Aula di Palazzo dei Normanni deve eleggere tre grandi elettori che andranno a Roma per votare il nome del nuovo Presidente della Repubblica. Di prassi due sono i rappresentanti della maggioranza e uno dell’opposizione. Per la maggioranza si sceglie il presidente della Regione e quello dell’Assemblea. E in questo caso sarà importante vedere il peso e il numero di voti di ciascuno dei due rappresentanti della maggioranza, viste le tensioni degli ultimi giorni dell’anno tra i due sulla scelta del candidato alla presidenza della Regione.

Per quel che riguarda le opposizioni, invece, sfuma l’ipotesi di Maria Terranova, sindaco di Termini Imerese che era stata lanciata da Anci e ripresa da Claudio Fava: il candidato dell’opposizione, infatti, avrebbe avuto dei requisiti che avrebbero favorito la scelta: donna e rappresentante del M5s. Ma secondo una consultazione informale avuta tra i presidenti delle assemblee regionali, però, non ci sarebbero le condizioni tecniche per potere scegliere un esponente esterno alle assemblee elettive. Il nome della Terranova, era rimbalzato alle cronache nello scorso fine settimana. “Ho sempre precisato che si trattava di una ipotesi lusinghera ma remota“, dice all’Italpress la prima cittadina del comune in provincia di Palermo, “ho ricevuto tanti messaggi di stima in queste ore ma la decisione di non aprire agli esterni non rende praticabile la strada. Ringrazio quanti hanno avanzato il mio nome soprattutto perché rappresenta un riconoscimento per il lavoro fatto a Termini e un segnale di attenzione per tutti i sindaci della Sicilia“.

Ma il nome del primo cittadino rappresenta anche un modello di coalizione politica, quella tra M5s e Pd, che è stata sperimentata (con successo) proprio nel caso delle amministrative locali. “Un modello e lo continua a rappresentare“, aggiunge Terranova all’Italpress, “ci abbiamo creduto e lo portiamo avanti“. Tanto che, in prospettiva e in vista delle prossime elezioni, “auspico la replica del modello ovvero mettersi insieme avendo ben presente gli obiettivi“, spiega Terranova, “abbiamo messo da parte quello che erano ideologie politiche e visioni che stiamo portando avanti. Sarebbe quello di cui ha bisogno la Regione siciliana“.

Dal Pd fanno sapere che attendono il nome da parte dei Cinque stelle per capire da farsi. A questo punto la palla passa ai pentastellati che dovrebbero proporre un nome per l’opposizione che potrebbe essere quello di Nuccio di Paola, da gennaio alla guida del gruppo parlamentare.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.