Elezioni, a Messina trionfo di De Luca, i 5Stelle perdono Ragusa, centrodestra sconfitto a Siracusa | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Messina

sorprese ai ballottaggi in Sicilia

Elezioni, a Messina trionfo di De Luca, i 5Stelle perdono Ragusa, centrodestra sconfitto a Siracusa

di
25 Giugno 2018

Sorprese ai ballottaggi in Sicilia. A Ragusa, il candidato sindaco del M5s Antonio Tringali è dietro di circa dieci punti rispetto a Peppe Cassì, sostenuto da liste civiche e FdI; euforia nel suo comitato elettorale, dove i sostenitori dell’ex cestista hanno brindato al nuovo sindaco. Il candidato di Fratelli d’Italia batte, dunque, nettamente quello del Movimento 5 Stelle, forza politica che aveva governato la città in questi ultimi cinque anni. Evidentemente gli elettori hanno sonoramente punito i grillini in quella che fino a ieri era considerata una delle roccaforti pentastellate della Sicilia.

A Messina, Cateno De Luca (Udc) è il nuovo sindaco della città dello Stretto: dalle schede scrutinate, l’esponente dell’Udc è in netto vantaggio, quasi 30 punti, su Dino Bramanti, sostenuto dal centrodestra ufficiale. “Grazie di vero cuore Messina”, è il commento del neo primo cittadino. Alle ore 00:45 il nuovo sindaco De Luca ha deposto un mazzo di fiori ai piedi della Madonna in piazza Immacolata di Marmo. Alle ore 1:00, un mazzo di fiori al monumento dei caduti in piazza municipio. Successivamente comizio di ringraziamento del sindaco Cateno De Luca in piazza Municipio.

A Siracusa, invece, il distacco tra i due contendenti è di pochi punti, con Francesco Italia, dissidente del Pd, vicino all’ex sindaco Garozzo, avanti rispetto a Ezechia Paolo Reale, ex assessore regionale con Rosario Crocetta, ma appoggiato dal centrodestra. Nella città aretusea, si era verificata nelle scorse settimane una frattura nel centrodestra, dove Fabio Granata, che al primo turno si era candidato sindaco per #DiventeràBellissima, si è dissociato dalla scelta del presidente della Regione Nello Musumeci di sostenere Reale, affermando il proprio sostegno a Italia.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.