Elezioni amministrative a Castellana Sicula. Pizzuto: “La mia impronta distintiva è il cambiamento” :ilSicilia.it
Palermo

Si avvicina il giorno delle votazioni

Elezioni amministrative a Castellana Sicula. Pizzuto: “La mia impronta distintiva è il cambiamento”

di
4 Giugno 2017

Angelo Pizzuto, candidato a sindaco di Castellana Sicula, in vista delle elezioni amministrative 2017, puntualizza alcuni aspetti peculiari del suo programma.  Appoggiato dalla lista “Castellana Domani”, si fa portavoce di un progetto di “cambiamento e di sviluppo del territorio”. “L’obiettivo –  afferma – è quello di trasferire le buone pratiche del Parco delle Madonie nell’amministrazione castellanese”.

Quali sono le strategie fondamentali  del suo programma?

La mia candidatura porta il segno del cambiamento: è questo il punto fondamentale del mio programma di fronte ad un paese, che versa in una condizione di abbandono da circa 10 anni, a causa dell’incapacità delle due ultime amministrazioni comunali. Su questo versante, ho intenzione di sviluppare strategie nuove, da mettere in campo su temi importanti e delicati, come, ad esempio, la riattivazione delle strutture comunali, gli interventi sulla rete idrica che vede una condotta “colabrodo”, il miglioramento dell’illuminazione pubblica ed una maggiore attenzione ai plessi scolastici, fatiscenti e non adatti ad accogliere gli studenti. Sport, cultura, natura sono, poi, ambiti da sviluppare ed incentivare, per dare splendore a Castellana Sicula e, soprattutto, per attrarre gente nel territorio. Ecco perché mi adopererò, per iniziative e grandi eventi sportivi, come la Targa Florio o tante altre manifestazioni, sia nel settore del motorismo che in quello del calcio. Un altro obiettivo, non di poco conto, dal momento che Castellana, si può considerare la porta del Parco delle Madonie, è la creazione di un “hub” per Piano Battaglia, un centro di snodo, che possa non soltanto facilitare il percorso, ma anche contribuire allo sviluppo di sbocchi occupazionali.

Quali prospettive per i giovani del territorio?

I giovani devono essere ascoltati, sono fonte di idee e proposte – talvolta, purtroppo, poco considerate – che possono contribuire notevolmente al miglioramento del territorio. Non  è quindi un caso che la nostra lista sia composta anche da ragazzi motivati, entusiasti e soprattutto appassionati del proprio paese.  Da Castellana è vero che molti ragazzi sono andati via, altri sono in procinto di partire, perché qui non trovano alcuna opportunità: di fronte a questa situazione, bisogna, quindi, investire molto nell’impresa e nell’edilizia, per creare occasioni di lavoro. Fondamentale è poi creare centri di aggregazione giovanile e una cittadella dello sport, luoghi di confronto, ma anche di intrattenimento, giornalieri e stabili.

La sua impronta distintiva rispetto agli altri candidati a sindaco

Con professionalità e competenza io mi sento pronto ad amministrare questa comunità. L’obiettivo è quello di trasferire le buone pratiche del Parco delle Madonie nell’amministrazione di Castellana. Per quanto riguarda la mia impronta distintiva, è sostanzialmente quella cambiamento, peculiare del mio programma a candidato sindaco.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.