Elezioni, candidati "indesiderati", Apprendi: "Sono presenti ad ogni elezione, sono quelli dei listini, dei posti sicuri" :ilSicilia.it

"Roma deciderà, in barba ad ogni proclama"

Elezioni, candidati “indesiderati”, Apprendi: “Sono presenti ad ogni elezione, sono quelli dei listini, dei posti sicuri”

di
31 Gennaio 2018

Sulla polemica che si sta scatenando per i candidati “indesiderati” interviene Pino Apprendi di Liberi e Uguali: “Sono presenti ad ogni elezione,  sono quelli/e  dei listini, dei posti “sicuri”, hanno sempre un Santo protettore che li garantisce e sarà così  anche questa volta, in tutti i partiti e movimenti. Anche se non hanno  voti, se il territorio non li identifica come  rappresentanti , ci sarà  qualcuno che li salverà. Ogni elezione, in tutti i partiti,ci sono problemi per le liste, ma loro non hanno problemi”.

“La legge elettorale li garantisce, porcellum o Rosatellum, non ha importanza – conclude – si salveranno, Roma deciderà, in barba ad ogni proclama contro la legge elettorale, tutti si adegueranno  e i territori staranno a guardare., non conteranno, conterà  il capo o chi sta nella stanza dei bottoni e guarda caso gli “agevolati” sono quelli dei listini, quelli che hanno sempre un posto a tavola a sbafo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin