Elezioni comunali: a Messina FI lancia Bramanti, M5S punta su Zafarana :ilSicilia.it
Messina

Le grandi manovre per il voto di giugno

Elezioni comunali: a Messina FI lancia Bramanti, M5S punta su Zafarana

di
27 Febbraio 2018

Alle porte delle elezioni nazionali del 4 marzo, a Messina si stringono i tempi anche per le Comunali di giugno che decideranno la futura sindacatura e il nuovo governo della città metropolitana. E’ del tutto evidente che da lunedì prossimo equilibri e schieramenti potrebbero essere ribaltati dagli esiti delle urne ma le prime mosse politiche anticipano, intanto, l’imminente scadenza. Il primo cittadino uscente Renato Accorinti ha già fatto sapere che rilancerà la sfida e scenderà in campo per tentare la difficile riconferma ma sulla sua strada troverà stavolta una concorrenza che si fa sempre più ampia e complicata da superare.

Nel centrodestra sta prendendo quota la nomination a candidato sindaco dell’attuale direttore scientifico dell’Irccs-Piemonte nonché componente del Consiglio superiore della sanità, Dino Bramanti. Sulla sua candidatura avrebbe già dato il sostanziale via libera Forza Italia e d’altronde sarà proprio il partito azzurro ad esprimere il nome che guiderà la coalizione di cui farà parte oltre a Fi anche Fratelli d’Italia e nella quale, così come nello scacchiere nazionale, è attesa anche la componente leghista in Sicilia

Renato Accorinti

operativa come “Noi con Salvini”. “Ne parleremo dopo le elezioni, non ho mai fatto politica ma non mi sottrarrò a nessun tipo di valutazione. Servono unità di intenti, un progetto e un programma con una larga coalizione. Sono nato e cresciuto a Messina e vorrei dare anche io il mio contributo per questa terra”, ha detto Bramanti che frena sulla sua candidatura ma di riflesso conferma la sua disponibilità a guidare il centrodestra nella contesa politica comunale di primavera.

Ma in queste ore salgono soprattutto le chance di candidatura a sindaco della deputata messinese dei Cinque Stelle, Valentina Zafarana. Potrebbe essere proprio lei alla fine a guidare il movimento dei pentastellati alle Comunali. I grillini vogliono puntare su un nome di primo piano all’interno del movimento e la Zafarana ha già dato dimostrazione di essere un nome spendibile, non a caso è stata anche in corsa sino ad un certo punto per la nomination alle Regionali poi andata, lo scorso autunno, a Giancarlo Cancelleri. La Zafarana è il punto di riferimento del M5S a Palermo ma starebbe valutando l’opportunità di convincersi a correre per la sindacatura e provare ad avviare una nuova stagione politica e amministrativa a Messina.

Ancora incerta la situazione nel centrosinistra, dove assai più che negli altri schieramenti peseranno i riflessi numerici e politici del 4 marzo, che sembrano una spada di Damocle e uno tsunami preannunciato e difficilmente eludibile. I risultati delle Nazionali faranno chiarezza sugli equilibri che si determineranno e sulla probabile necessità di ricostruire la coalizione che in ambito regionale ha perso a novembre il governo dell’Isola e che difficilmente riuscirà a prevalere domenica prossima. Su questo fronte si era

Giovanni Ardizzone

ipotizzata la candidatura di Giovanni Ardizzone, ex presidente dell’Assemblea Regionale che però si è già chiamato fuori dallo sprint per Palazzo Zanca. Rimane in corsa invece Aurora Notarianni, ex assessore regionale del Governo Crocetta e nome gradito anche ad alcuni movimenti civici cittadini. Sul suo nome potrebbero compattarsi le diverse anime del centrosinistra per contrapporsi all’avanzata del centrodestra e ai grillini.

Chi ha già lanciato in largo anticipo la sua candidatura a sindaco di Messina e si dice convinto di ribaltare tutti i pronostici è il deputato Cateno De Luca. L’ex sindaco di Santa Teresa di Riva dopo le vicissitudini giudiziarie successive alle Regionali, sta già lavorando da mesi a pieno ritmo alla sua campagna elettorale e anche in queste ore ha ribadito il suo messaggio ai messinesi: “Noi vogliamo portare nel palazzo comunale efficienza, efficacia e trasparenza. Qui non sono stati applicati i criteri di efficienza, previsti nel Pon Metro 2014-2020. Sugli 86 mlilioni di euro stanziati per Messina oggi sono stati spesi solo 280 mila euro. Bari in confronto ha speso già circa 32 milioni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin