Elezioni, primi risultati: 5 Stelle primo partito, centrodestra avanti, Pd al palo :ilSicilia.it

I primi exit poll

Exit poll: 5 Stelle primo partito, centrodestra avanti, Pd al palo

di
4 Marzo 2018

Ecco i primi risultati elettorali di queste elezioni politiche secondo RaiUno. Si tratta di exit poll sul Senato della Repubblica.

A pochi minuti dalla chiusura dei seggi, gli exit poll darebbero la coalizione di centrodestra in testa ma non di molto, con Forza Italia che si attesterebbe su una forbice fra il 13 e il 16 per cento, stesso risultato per la Lega fra il 13 e il 16 per cento, Fratelli d’Italia fra il 4 e il 6 e la cosiddetta quarta gamba, Noi con l’Italia Udc dall’1 al 3 per cento.

Segue a ruota il Movimento 5 Stelle che otterrebbe un consenso compreso fra il 29 e il 32 per cento. I pentastellati, dunque – com’era prevedibile –  sono il primo partito, con percentuali più alte al Sud, ma il numero di voti che otterrebbero, stando a questi primi dati parziali, è al di sotto rispetto a quel 40 per cento auspicato da Di Maio, che avrebbe consentito loro di poter governare il Paese. Un risultato comunque molto alto, tenuto conto che si tratta di una singola forza politica.

istant-poll-camera-la7
Istant poll: Camera – LA7, fonte SWG

Staccato il centrosinistra. All’interno della coalizione, il Pd è al palo e otterrebbe un risultato deludente dal 20 al 23 per cento, effetto di anni di politiche evidentemente sbagliate e segno che il renzismo appare oramai giunto definitivamente al capolinea. All’interno del centrosinistra “Più Europa con Emma Bonino” è su una forbice fra il 2,5 e il 4,5 per cento. Non entrerebbero in parlamento i sostenitori di Civica Popolare con la Lorenzin, fermi alla microscopica percentuale compresa fra lo 0 e il 2 per cento. Fuori dal parlamento anche “Insieme”, la lista che univa il Psi e i Verdi, che non va oltre il 2 per cento.

Se il Pd piange, “Liberi e Uguali”, la formazione guidata dal presidente del Senato Pietro Grasso, non ride. La lista che ha messo insieme “Sinistra italiana”, “Possibile” e “Mdp Articolo 1” non andrebbe, infatti, oltre a una forbice compresa fra il 3 e il 5 per cento.

A sinistra resta fuori dal parlamento anche Potere al Popolo, che mette insieme Rifondazione comunista e altre forze di opposizione sociale.

Istant poll, confronto varie reti
Istant poll, confronto varie reti

La percentuale ottenuta, dall’1,4 al 2 per cento è comunque di tutto rispetto, visto che si tratta di una lista nuova e non particolarmente conosciuta dagli elettori e segno che a sinistra è possibile costruire e radicare una forza politica di opposizione. Sempre a sinistra, il Partito Comunista guidato da Marco Rizzo non supererebbe, invece, lo 0,3 per cento.

A destra, Casapound: la lista guidata da Simone Di Stefano non entra in parlamento, ma potrebbe arrivare allo 0,7 per cento, segno che Casapound Italia avrebbe saputo attrarre a sé una fascia di persone vicine alle posizioni della destra radicale e non attratte dalle forze del centrodestra. Meno dello 0,5, invece, la percentuale di “Italia agli italiani”, lista che metteva insieme Forza Nuova e Fiamma Tricolore e che aveva quale candidato premier Roberto Fiore. Percentuali attorno allo 0,5 anche per il Popolo della Famiglia, la lista di Mario Adinolfi legata ai temi del cattolicesimo.

LEGGI ANCHE

Elezioni, prima proiezione: vola il Movimento 5 Stelle. La Lega sorpassa Forza Italia

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.