Elezioni, liste comuni Forza Italia-Sicilia Futura per Palermo e alle regionali | CLICCA PER IL VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

l'accordo

Elezioni, liste comuni Forza Italia-Sicilia Futura per Palermo e alle regionali | CLICCA PER IL VIDEO

di
26 Ottobre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

L’intesa tra Forza Italia e Sicilia futura-Italia Viva parte con un intergruppo all’Assemblea regionale siciliana, e punta a liste comuni per le amministrative di Palermo e le regionali del 2022. Un vero e proprio patto politico quello siglato tra Matteo Renzi Gianfranco Miccichè, leader degli azzurri sull’Isola, ufficializzato a Palazzo dei Normanni e che suggella un’alleanza e non una fusione.

Un accordo serio e stretto e ne sono felicissimo, convinto che porterà lontano le forze politiche”, così ha esordito il coordinatore regionale di FI a Sala Mattarella durante la conferenza stampa di ratifica dell’accordo parlamentare che segna l’inizio di un percorso comune in vista della grande sfida elettorale.

Come voteranno in Assemblea? A me non interessa, quello che interessa è la futura creazione di un mondo politico che ci appartiene”. Sigliamo un accordo forte al quale lavoriamo da un po’ di tempo – ha aggiunto il presidente dell’Ars – un’operazione che avviene in Sicilia. Mentre un accordo tra Italia Viva e Forza Italia deve essere fatto a Roma. A noi interessa il rapporto tra Sicilia futura e Forza Italia”.

L’asse Renzi-Berlusconi abbraccia la Sicilia ma potrebbe essere il preludio di un laboratorio politico su scala nazionale.

“Quest’accordo avviene in Sicilia– ha precisato Miccichè – se lo si vorrà replicare a livello nazionale bisognerà parlare con Berlusconi o Tajani. Ci lavoravamo da tempo, non è stata una operazione facilissima, Sicilia Futura-Iv ha persone forti nei territori e abbiamo operato per evitare eventuali conflitti che non ci sono”.

Miccichè ha ricordato l’impegno che Sicilia Futura-Iv ha avuto in passato nel centrosinistra e ha definito l’intesa “un festival della politica migrante” perché “si tratta di una integrazione tra forze politiche che la pensano all’80% allo stesso modo, per il resto del 20% faremo in modo di trovare condivisioni”.

“Sono convinto che quest’accordo porterà lontano le forze politiche – ha aggiunto Miccichè – per quanto riguarda l’Assemblea siciliana non mi interessa cosa faranno i tre deputati di Sicilia Futura-Iv, quello che mi interessa è la futura creazione di un mondo politico che ci appartenga. E’ un risultato politicamente importantissimo”. I due gruppi all’Ars contano in totale 16 parlamentari.

Al fianco di Miccichè i capigruppo all’Ars di Fi e Sf-Iv, rispettivamente Tommaso Calderone e Nicola D’Agostino, e anche Edy Tamajo, deputato segretario di Sicilia Futura, con la presenza in sala di tanti consiglieri comunali dei due partiti. Grazie a questo rapporto di collaborazione, i due partiti concorderanno iniziative parlamentari comuni e avranno come obiettivo politico, nei prossimi mesi, quello di un’integrazione sui territori, certi  di raggiungere ottimi risultati in tutte le competizioni elettorali.

“I cittadini prendono il voto dei moderati”, ha aggiunto Edy Tamajo, deputato dello stesso gruppo. Primo passo dell’accordo sarà quello delle formulazione delle liste per il comune di Palermo. “Non c’è spazio per populismo e demagogia, la gente vuole essere amministrata da chi ha capacità e questo accordo ci permetterà di amministrare prima Palermo e poi la Regione siciliana”, ha sottolineato.

Questo laboratorio Sicilia che oggi viene battezzato da questo nostro accordo è un laboratorio politico che non può che essere messo in primo piano”, ha detto Tommaso Calderone.

Abbiamo gettato le basi per dare vita ad un’area liberale, moderata e democraticaE’ un dato non solo di numeri, ma di contributo di politica vera, di contenuti – ha aggiunto ancora il capogruppo forzista -. Nessuno ha cambiato casacca, noi abbiamo persone serie che si apprestano a lavorare insieme. Questo laboratorio – conclude Calderone – deve essere da traino a tutto, non sappiamo quali saranno le regole e le alleanze”.

L’orizzonte cui guarda IV è quello di un polo di centro, moderato e liberale, riformista, isolando sovranisti e populisti. E la vera scommessa è la creazione di un Centro, fungendo in questo momento da collante fra le forze politiche dei due poli (centrodestra e centrosinistra) che hanno visioni comuni.

L’obiettivo è che le aree estreme del nostro paese possano essere contenute attraverso una proposta politica che possa essere forte e noi intendiamo rafforzare questa proposta politica”. Lo ha detto Nicola D’Agostino.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.