Elezioni Palermo, Lagalla: "Respingere lista di Cuffaro? Non esiste, è a capo di una forza politica" :ilSicilia.it
Palermo

le dichiarazioni

Elezioni Palermo, Lagalla: “Respingere lista di Cuffaro? Non esiste, è a capo di una forza politica”

di
12 Maggio 2022

In vista delle amministrative del 12 giugno, il centrodestra si presenta a Palermo compatto e coeso sul nome di Roberto Lagalla. L’ex assessore del governo Musumeci, oggi candidato a sindaco del capoluogo siciliano, ha incontrato i coordinatori dei partiti di coalizione all’Ars, dove è in corso l’esame della manovra finanziaria.

Sul sostegno di Totò Cuffaro e Marcello Dell’Utri, Lagalla risponde chiaramente ai cronisti: “Di questa storia non ne posso più. La stanno montando e strumentalizzando poiché evidentemente c’è pochezza di altri argomenti contro di me. Non intendo rispondere alle provocazioni finché resteranno tali. Posso ben dimostrare nel mio curriculum, nella mia vita e nella storia personale di non avere mai avuto niente a che fare con la mafia. Il mio rapporto con Cuffaro è antico, ne sono stato assessore, e abbiamo chiuso un piano di rientro sanitario che nessun altro aveva mai chiuso prima”, ha poi aggiunto il candidato sindaco di Palermo del centrodestra  alla fine della riunione della coalizione.

Non trovo nessun articolo di legge o della Costituzione che mi dica che io debba respingere la lista di Totò Cuffaro, fatta tutta di candidati che ovviamente hanno le carte in regola”, solo perché Cuffaro “ha avuto dei problemi personali e giudiziari e oggi è non un mio interlocutore ma capo di una forza politica che è all’interno di una coalizione che ha trovato in me la sintesi”.

Ad accendere i riflettori sul sostegno di Totò Cuffaro e Marcello Dell’Utri a Lagalla, sono state le recenti dichiarazioni dell’ex magistrato Alfredo Morvillo, fratello di Francesca e cognato di Giovanni Falcone, assassinati da Cosa nostra nel ’92, assieme agli agenti di scorta, nella strage di Capaci. Morvillo aveva detto: “A trent’anni dalle stragi la Sicilia è in mano a condannati per mafia. C’è chi attualmente strizza l’occhio a personaggi condannati per mafia. C’è una Palermo che gli va dietro, se li contende e li sostiene. Davanti a questi fatti mi viene in mente un cattivo pensiero: certe morti sono stati inutili. Qui sono accadute cose inaudite. Ma la libidine del potere spinge alcuni a stringere alleanze con chicchessia”. Il riferimento era a Marcello Dell’Utri e Totò Cuffaro, entrambi condannati in via definitiva a 7 anni di carcere: il primo per concorso esterno in associazione mafiosa, il secondo per favoreggiamento personale e rivelazione di segreto istruttorio. “Per quanto riguarda Dell’Utri – ha detto Lagalla – io sono stato oggetto passivo di una attestazione personale di considerazione da parte sua. Che questo possa dare fiato alle trombe, che dicono che sia un mio possibile ispiratore di azione di governo, c’è la mia storia che parla e che è adamantina, pulita, e non intendo farla sporcare da nessuno”.

Poi si parla di intesa sulla squadra di governo della città: sette assessori subito, gli altri quattro dopo il voto, ma la composizione finale della squadra comunque sarà condizionata dai risultati che otterranno i singoli partiti alle Comunali del 12 giugno. E’  questo l’accordo raggiunto durante la riunione che si è tenuta a Palazzo dei Normanni dai partiti del centrodestra che sostengono il candidato sindaco a Palermo, Roberto Lagalla.

In questa prima fase designeranno un assessore a testa Forza Italia, FdI, Lega-Prima l’Italia, Udc, Ncl, autonomisti-Alleanza per Palermo e Dc Nuova; le altre due liste potranno ottenere posti in giunta solo se supereranno la soglia del 3,5% concordata dalla coalizione. Comunque il risultato delle urne potrebbe cambiare la composizione della giunta, in sostanza chi tra le liste conquisterà più voti potrebbe avere più assessori. Anche il ruolo di vice sindaco sarà assegnato alla lista che otterrà il risultato migliore. Durante il vertice al quale hanno preso parte tutti i partiti e anche il leader di Fi Gianfranco Miccichè, Lagalla ha consegnato agli alleati il programma, al momento 43 pagine, dando tempo ai partiti per presentare eventuali integrazioni.

Ma soprattutto “Abbiamo sottoposto al parere dei partiti il programma che si esprimeranno nelle prossime 48 ore. E’ frutto di un lavoro di circa 20 esperti che abbiamo riunito circa un mese fa, concordando le linee guida generali, smentendo chi dice che non abbiamo un programma”, ha detto Lagalla.

Tra i temi più importanti, c’è una infrastrutturazione moderna con il ricorso ad un partenariato pubblico-privato, il coinvolgimento dell’associazionismo e del volontariato in una sorta di “patto civico” per la gestione delle fragilità e dei servizi sociali. Poi, in lista delle cose da fare per la città c’è l’azione di revisione e della macchina organizzativa.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.