"Elezioni Regionali truccate. Vanno annullate". Ecco le prove :ilSicilia.it

Lo dice Franco Busalacchi

“Elezioni Regionali truccate. Vanno annullate”. Ecco le prove

di
5 Gennaio 2018

“Chiediamo che le elezioni regionali vengano annullate”. Così il leader del movimento “i Nuovi Vespri”, Franco Busalacchi, durante una conferenza stampa convocata, a Palermo, per spiegare le motivazioni della richiesta al Tar di annullamento delle operazioni elettorali delle regionali.

“L’obiettivo del nostro ricorso – spiega – è la ricerca della giustizia e il recupero della legalità. Queste elezioni sono un grande gioco truccato. Ci sono questioni relative alle irregolarità formali che interessano direttamente gli elettori. Noi abbiamo subito una bocciatura da parte della Corte d’appello per vizi formali della nostra lista, abbiamo anche fatto ricorso al Tar che ci ha detto che i nostri vizi formali sono insanabili perché la legislazione regionale è molto più rigida di quella nazionale che avrebbe sanato i nostri vizi. Chi come noi ha gli stessi vizi deve essere sanzionato. Per questo – aggiunge Busalacchi abbiamo fatto un’indagine a tappeto sulle liste elettorali ed abbiamo scoperto irregolarità ed inesattezze gravi che sfiorano il falso ideologico e documentale. Noi dobbiamo restituire il diritto ai cittadini di vedere andare i loro voti nel posto corretto”. “Noi vogliamo che le elezioni vengano annullate e rifatte – prosegue -. Sappiamo che il Tar si muoverà con celerità ed estrema correttezza”

Candidati Regionali 2017
Candidati Regionali 2017 – Fonte: Gds 31.10.2017

L’elezione di Musumeci illegittima e quindi è posta sul nulla. Le illegittimità della nostra lista evidenziate dal Tar sono il nulla rispetto alle irregolarità commesse nella compilazione e presentazione delle altre liste. Ci sono irregolarità’ di forma, ci sono persone che quando hanno presentato la candidatura erano a Trezzano sul Naviglio e al loro posto un notaio presentava la candidatura ad Agrigento. Questo è un esempio di falso ideologico e documentale. Se cade un candidato, cade una lista e poi le altre fino a far cadere il quorum – sottolinea -. Il nostro ricorso è nelle mani del Tar. In Piemonte e in Basilicata i giudici amministrativi hanno annullato le elezioni, mandando a casa Cota e Iorio”. 

“Abbiamo scovato – conclude Busalacchi – vizi formali a tappeto come firme non autenticate, documenti mancanti, presentazioni delle candidature con cancellature fatte con il correttore universale nelle liste sia del centrodestra che del centrosinistra, nei collegi di Messina, Agrigento e Catania. Mentre la lista di Busalacchi è stata esclusa per un timbro. Noi ci auguriamo che altre persone con la schiena dritta segnalino altre irregolarità nelle liste delle altre province siciliane”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin