16 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.48

È durata più di due ore la conferenza dei capigruppo

Emendamento ddl variazioni bilancio: all’Ars trovata l’intesa

13 Dicembre 2018

È durata più di due ore la conferenza dei capigruppo, riunita per trovare un’intesa su un emendamento capace di andare incontro alle richieste di maggioranza e opposizione, e superare l’empasse del voto d’aula sul ddl di variazioni di Bilancio. Subito dopo l’inizio della seduta era infatti apparso evidente che senza un accordo, la situazione non si sarebbe sbloccata. Il presidente dell’Ars Gianfranco Miccichè, che aveva auspicato di poter approvare il ddl già a metà pomeriggio e che più volte in questi giorni ha ribadito la necessità di approvare la norma in tempi brevi “per salvaguardare il pagamento degli stipendi di migliaia di lavoratori“, ha dunque deciso di sospendere la seduta e convocare capigruppo e deputati nella sua stanza.

L’intesa prevede l’approvazione di un emendamento che verte su quattro punti: 3 milioni di euro per Istituto regionale Vini e Oli; un fondo di circa 3 milioni per i comuni in dissesto, predissesto finanziario o con stipendi arretrati; 1,7 milioni circa per le Ipab; mantenimento dei fondi per centri antiracket, antiviolenza e per le vittime della mafia.

Dopo un passaggio dalla commissione Bilancio, l’emendamento arriverà in Aula: se l’intesa raggiunta in conferenza dei capigruppo reggerà anche a Sala d’Ercole, si dovrebbe arrivare all’approvazione delle variazioni di Bilancio entro stasera. Fra le norme contenute nel ddl, anche lo stanziamento di circa 5 milioni per i Pip.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.