Emergenza bare ai Rotoli, a Palermo 920 insepolti: "Grosse le difficoltà burocratiche" :ilSicilia.it
Palermo

l'analisi di orlando

Emergenza bare ai Rotoli, a Palermo 920 insepolti: “Grosse le difficoltà burocratiche”

di
23 Agosto 2021

Nonostante ci siano 72 famiglie che hanno già pagato per il trasferimento delle bare dal cimitero di S. Maria dei Rotoli a quello di S.Orsola e in quest’ultimo camposanto si siano già liberati 184 posti (dei mille previsti), il numero delle salme trasferite è di appena 14.

“Le procedure vanno a rilento per grosse difficoltà burocratiche, amministrative e organizzative dovute soprattutto all’insufficienza dei carri funebri e del personale impegnato anche in altri inderogabili servizi“.

Leoluca Orlando

Così il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, intervenendo nella seduta straordinaria del Consiglio comunale, convocata dal presidente Salvatore Orlando dopo che il primo cittadino aveva puntato il dito sull’assemblea di Sala delle Lapidi rispetto all’emergenza, che va avanti da circa due anni al cimitero dei Rotoli. La situazione si era aggravata alcuni giorni fa, con alcune bare custodite in depositi e persino in alcuni uffici del cimitero, che si erano lesionate a causa del grande caldo.

Attualmente le bare accatastate sono 920. Di queste, 420 sono in attesa di un loculo e 500 di un posto in un campo di inumazione. Per il forno crematorio, guasto da un anno, il sindaco ha spiegato che occorreranno sei mesi per essere messo in funzione. Per il nuovo cimitero nella contrada di Ciaculli, “area individuata dal Prg, per un totale di circa 27 mila sepolture, il progetto è definitivo – ha spiegato Orlando – ma poiché il vincolo preordinato all’esproprio è decaduto, è necessario approvare il progetto in variante al Prg con contestuale approvazione del piano cimiteriale“.

Sulle responsabilità attribuite dal sindaco al Consiglio comunale, l’opposizioni in aula (ormai maggioritaria, con 31 consiglieri su 40) ha respinto le accuse del sindaco, spiegando che le proposte di delibere dell’amministrazione comunale non sono mai arrivate al Consiglio.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin