Emergenza casa a Palermo. Sunia: "Ok a progetti per 9,5 milioni di euro, ma è tutto fermo" :ilSicilia.it
Palermo

Sbloccare i lavori

Emergenza casa a Palermo. Sunia: “Ok a progetti per 9,5 milioni di euro, ma è tutto fermo”

di
1 Novembre 2017

Emergenza casa a Palermo. La Cgil e il Sunia hanno inviato due richieste di incontro al nuovo commissario straordinario dello Iacp, Salvatore Giarratana, e al prefetto Antonella De Miro. Con il commissario Iacp, la Cgil intende aprire un confronto sulle politiche abitative, sui fondi disponibili e sugli orientamenti rispetto alla costruzione di alloggi di edilizia residenziale pubblica.

“Chiediamo un incontro per conoscere gli impegni dell’istituto sul fronte dell’emergenza abitativa e sul piano dei lavori che riguarda il patrimonio immobiliare dell’istituto, tenuto conto che la Regione ha dichiarato ammissibili quattro progetti presentati dallo Iacp su Palermo, tre dei quali per la costruzione di alloggi a Ballarò”, spiega Mario Ridulfo, della segreteria Cgil Palermo.

Con i quattro i progetti dell’Istituto autonomo case popolari, ritenuti ammissibili nel decreto del 5 ottobre scorso del dirigente generale delle Infrastrutture, è prevista una spesa di circa 9 milioni e mezzo di euro.

Si tratta della realizzazione di 15 alloggi in vicolo Crivellaro (2 milioni 769 mila euro), di 5 alloggi in via Chiappara assieme a una struttura coperta per la vendita del pesce al mercato Ballarò (1.411.274), più altri 15 alloggi e parte della struttura coperta per il mercato del pesce (4.731.374 euro). Il quarto progetto riguarda la valorizzazione e il recupero funzionale di un immobile in via Notarbartolo-via Boito per la realizzazione di 5 alloggi (454.689 euro).

Non è stato ritenuto ammissibile invece un quinto progetto, che riguardava la realizzazione di una residenza temporanea con 20 posti letto oltre ai servizi. Le proposte devono adesso passare all’esame del nucleo di valutazione e l’ulteriore passaggio è il decreto di finanziamento definitivo con l’autorizzazione della spesa per ogni singolo intervento.

Cgil e Sunia hanno inoltre inviato una richiesta di incontro per affrontare la situazione degli sgomberi a Palermo, eseguiti e minacciati, e la questione dei singoli e delle famiglie senza fissa dimora. “L’impegno che sollecitiamo alle istituzioni è di trovare soluzioni nel più breve tempo possibile. L’emergenza abitativa senza fine a Palermo sta provocando situazioni sempre più allarmanti, ai limiti della sostenibilità per tantissime famiglie in difficoltà, con bambini, anziani, disabili a carico, per i quali non si trovano nemmeno soluzioni temporanee – dichiarano Mario Ridulfo, segretario Cgil Palermo e Zaher Darwish, segretario del Sunia Palermo – Chiediamo inoltre che si dia il via al più presto ai progetti con le risorse rese disponibili nell’ambito delle manutenzioni e delle ristrutturazioni del patrimonio edilizio, per dare una risposta al problema abitativo e per favorire l’occupazione nel settore edilizio”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin