Emergenza cimiteri a Palermo, Inzerillo (Sicilia Futura): "Servono soluzioni definitive" | Video Intervista :ilSicilia.it
Palermo

Parla il presidente della IV commissione consiliare

Emergenza cimiteri a Palermo, Inzerillo (Sicilia Futura): “Servono soluzioni definitive” | Video Intervista

di
27 Settembre 2019

 

Guarda in alto la video intervista

Per rispondere all’emergenza cimiteri di Palermo sono state aggiudicate nei giorni scorsi tre distinte gare d’appalto che permetteranno, a partire dalla metà di ottobre, di realizzare nel cimitero dei Rotoli circa 945 loculi interrati per cercare di superare le difficoltà legate alla indisponibilità di sepolture con la necessità di mettere “a deposito” le salme.

Ma si tratta di una soluzione temporanea “Tutte quelle che stiamo affrontando sono soluzioni tampone – afferma Gianluca Inzerillo, presidente della IV commissione consiliare – che non possono essere la soluzione della carenza di sepolture nei cimiteri della città di Palermo“.

Attualmente sono circa 145 le salme in attesa di tumulazione, mentre con la ripresa dell’attività del forno crematorio si concluderanno le cremazioni in attesa “Come commissione abbiamo avanzato delle proposte risolutive per il forno crematorio all’assessore comunale D’Agostino, una di queste è quella di prevedere una sostituzione dell’apparato, operazione che costerebbe circa 600 mila euro che noi andremmo a recuperare, perchè andremmo ad aprire il servizio anche alla provincia, come fanno già altri Comuni a cui attualmente ci rivolgiamo quando purtroppo il forno si guasta, cosa che accade spesso. Ma per fare tutta questa operazione occorrono almeno sei mesi, cosa che per noi è impensabile, per questo riteniamo opportuno, in alternativa, prevedere una manutenzione preventiva che secondo quanto è stato valutato costerebbe circa 25 mila euro l’anno, se si pensa che il guasto del forno, da gennaio ad oggi, ha portato per le casse dell’Amministrazione circa 200 mila euro di spese, senza considerare i costi di riparazione, la manutenzione preventiva potrebbe essere una buona soluzione a questo problema“.

Per quanto riguarda il cimitero dei Cappuccini è possibile ricavare altri 1000 loculi, questo è possibile farlo abbattendo una cappella che era stata in precedenza assegnata a Vito Ciancimino “Proprio questa settimana, intanto, è stata firmata la determina per la demolizione di questa cappella, ma comunque per prevedere questi mille loculi l’operazione non è semplice, perchè per cominciare il cimitero de I Cappuccini deve dotarsi di un piano cimiteriale“.

Ma una soluzione potrebbe essere proprio quella della realizzazione di un nuovo cimitero, da tempo, infatti, si parla di realizzarlo a Ciaculli “E’ stato presentato un progetto di finanza che non rispetta i  nostri parametri, ad esempio, se noi attualmente un loculo lo vendiamo circa 800 euro in quel caso il costo aumenterebbe in modo non proporzionale, ovviamente non possiamo chiedere ai palermitani di sostenere costi così elevati così come commissione abbiamo chiesto ai tecnici di interfacciarsi ancora una volta con i progettisti per rimodulare la situazione. Se riusciamo a usare questi progetti di finanza che ben venga, altrimenti si possono ritenere decaduti e si può pensare ad altre soluzioni“.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.