Emergenza Coronavirus, i contagi in Italia salgono a 14 :ilSicilia.it

Aumenta il numero nel nostro paese

Emergenza Coronavirus, i contagi in Italia salgono a 15

di
21 Febbraio 2020

In totale sono 15 i casi positivi di Coronavirus in Lombardia, con otto nuovi contagiati segnalati dopo la conferenza stampa alla Regione di stamani.

Ai precedenti si sono aggiunti anche due cittadini veneti che ai primi esami sono risultati positivi. In totale potrebbero quindi esserci 17 persone infette da coronavirus.

La prima notizia di un contagiato era stata diffusa oggi e parlava di un 38enne di Castiglione d’Adda che aveva cenato con colleghi arrivato dalla Cina, e adesso ricoverato insieme alla moglie.

Tre contagiati, tra cui il trentottenne, sarebbero in gravi condizioni.

Gli altri sono un amico e tre clienti di un bar. I due sono già stati isolati in ospedale e si attendono ora gli esiti di un secondo test a cui sono stati sottoposti.

Il tutto mentre il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte continua a ostentare sicurezza, nonostante siano tanti i passeggeri rientrati dalla Cina prima del blocco aereo che si trovano adesso in giro per l’Italia; persone che all’arrivo in aeroporto avrebbero ricevuto soltanto il blando controllo della rilevazione della temperatura.

È solo da oggi, L’Italia ha disposto che siano messe in quarantena tutte le persone rientrate recentemente dalla Cina; un provvedimento che, alla luce dei contagi delle ultime ore, appare quantomeno tardivo

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.