Emergenza coronavirus in Sicilia, Giudice (CGIL): "Direzione sbagliata, riprendersi sarà difficile" :ilSicilia.it
Caltanissetta

Giudice ai cittadini

Emergenza coronavirus in Sicilia, Giudice (CGIL): “Direzione sbagliata, riprendersi sarà difficile”

di
8 Ottobre 2020

Dove stiamo andando e dove vogliamo andare? Due sole domande, le cui risposte tracciano perfettamente il quadro della situazione che stiamo vivendo.

Ignazio Giudice, segretario generale provinciale di Caltanissetta della CGIL, esprime così la sua preoccupazione a proposito dell’emergenza coronavirus e delle sue implicazioni per il territorio siciliano.

Il numero di persone positive cresce ogni giorno di più e, continua il segretario, non si sa più se “temere il virus o l’incoscienza di chi ci sta accanto. Perché ci sentiamo intoccabili o perché non ci sentiamo più in dovere di rispettarle?” si chiede Giudice.

Assisto a una generica indifferenza, questa è la percezione che si ha, assembramenti di giovani e meno giovani a ogni ora del giorno e della sera, come se il virus non li toccasse, eppure è proprio fra di loro che sta trovando spazio nella nostra città.

L’attacco del segretario generale non solo è rivolto ai cittadini, ma anche ai “proclami perfetti per titoli di giornale acchiappa-like” delle istituzioni e alle “amministrazioni che scrivono cosa sia giusto o meno fare e lo fanno timidamente scaricando competenze una volta alla sanità pubblica, una volta alla Regione e l’altra allo Stato centrale“.

Ottimo lavoro hanno invece svolto “i dirigenti scolastici, il personale della scuola e i tanti genitori che si sforzano di spiegare la delicatezza del momento, ma ciò non basta“.

Il popolo italiano, secondo Ignazio Giudice, sta andando nella direzione sbagliata, “quella che metterà a rischio la salute dei cittadini più fragili. Quella che metterà in ginocchio l’economia, il lavoro già fortemente compromesso da una crisi che ci ha dimezzato o quasi.

Basta attendere il buon senso – conclude il segretario Giudice – perché l’indifferenza di oggi farà la differenza domani, quando tutto non sarà più come prima e riprendersi la vita vera diventerà sempre più difficile. Speriamo non impossibile.”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Politica
di Elio Sanfilippo

Sindaci e Imprese insieme per rilanciare la Sicilia

A chi continua a lamentarsi che la Sicilia non ha più voce in capitolo nelle scelte del governo nazionale, come dimostra la vicenda della nomina dei ministri e dei sottosegretari, ribadiamo che non ha più voce perché non ha più una testa, una guida, una classe dirigente autorevole dotata di una visione e di un progetto politico.
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin