Emergenza covid, Razza: "In arrivo due milioni di tamponi rapidi" | VIDEO :ilSicilia.it

la conferenza stampa

Emergenza covid, Razza: “In arrivo due milioni di tamponi rapidi” | VIDEO

di
15 Settembre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

L’assessore alla Salute Ruggero Razza fa una fotografia in merito alla situazione covid-19 in Sicilia. Il braccio destro di Musumeci sciorina numeri e statistiche e spiega carte alla mano l’andamento dell’epidemia sull’Isola.

402 mila 836 tamponi, dati aggiornati ad oggi a cui si aggiungono 407mila in via di comunicazione. I positivi rispetto ai tamponi effettuati sono l’1,32%. Il 12 % di contagi arriva fuori dalla Sicilia, l’8% cento sono migranti. Due milioni di tamponi in arrivo per cercare di contenere l’emergenza sanitaria. Proprio un milione arriveranno a Palermo giovedì prossimo (17  settembre ndr).

Questi sono alcuni dati emersi durante la conferenza stampa, a Palazzo d’Orleans  dell’avvocato catanese in cui si è fatto il punto sulla situazione della pandemia da Covid 19 in Sicilia.

Un incontro che avviene in un momento, delicato,  in cui la Sicilia fa i conti sopratutto la provincia di Palermo con un incremento a causa dei dipendenti circa 35 dipendenti Rap risultati positivi.

La Sicilia ha ordinato 2 milioni di tamponi rapidi, la metà della fornitura sarà a disposizione della Regione dopodomani, il resto la prossima settimana. Il test col tampone rapido ci consente di potere evidenziare in pochi minuti i casi positivi e valutare le azioni territoriali di screening”, ha spiegato Razza. I 2 milioni di tamponi saranno stoccati nei depositi della Protezione civile a Palermo e a Dittaino e, ha aggiunto, l’assessore “saranno distribuiti alle aziende sanitarie in base ai fabbisogni del territorio”. “Siamo tra i primi ad avere questa tipologia di tamponi – ha detto Razza – Abbiamo innanzitutto pensato alle scuole un genitore non può aspettare 24 ore per avere una risposta su un tampone fatto al figlio“.

Razza  non dimentica di porre l’attenzione sulla riapertura delle scuole ed annuncia un’intensificazione del tracciamento e dello screening: “Abbiamo comprato due milioni di tamponi, il primo milioni di test sarà disponibile da giovedì con lo scopo di intervenire con tempestività sulle esigenze scolastiche che potranno presentarsi. Si tratta di tamponi rapidi che danno esito in pochi minuti. Si prevede uso anche per screening in specifici territori”.

Da qui l’assessore ritorna a parlare della gestione Covid a livello ospedaliero, proprio con una crescita dei casi, si è tornato a parlare sopratutto nel Palermitano, di ospedali ‘in affanno’. Razza riferisce di “un picco ospedalizzazione” raggiunto il sei aprile con 637 ricoverati di cui 74 in intensiva e rassicura: “Il sistema e la disponibilità di posti è la stessa e possono essere attivati questi e altri posti a secondo delle esigenze. In una dimensione più ampia  c’è disponibilità di 2500 posti letto per la degenza ordinaria per Covid a cui far ricorso solo se necessario per non bloccare le altre attività sanitarie. In questa fase non è certamente necessario. Attualmente i posti disponibili sono cinquecento di cui cento in terapia intensiva”.

La Sicilia ha fatto meno tamponi perché ha meno casi – spiega Razza – ad oggi sono 170.800 i test sierologici effettuati invece sono quasi 600mila i casi testati nel complesso fra tamponi e screening, 450 migranti positivi da inizio emergenza. Ad oggi 340 attuali positivi sono migranti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.