17 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.56
Palermo

prevista pure un'altra struttura

Emergenza freddo a Palermo: due nuovi centri per i senzatetto

12 Gennaio 2019

Da lunedì 14 gennaio la città’ di Palermo potrà contare su due nuovi poli per l’accoglienza diurna e notturna di persone senza dimora. E’ quanto si legge in una nota dell’Amministrazione comunale, che sottolinea che “si tratta di due delle tre strutture previste da un più ampio intervento di azioni integrate di contrasto alla povertà abitativa, realizzato con i fondi del PON Metro gestiti dal Comune, da una associazione temporanea di scopo che coinvolge enti del privato sociale (Istituto Don Calabria, Centro Diaconale La Noce – Istituto Valdese, La Panormita) e dalla Croce Rossa Palermo”.

L’avvio ufficiale del progetto era previsto per febbraio, ma a causa del freddo rigido di questi giorni, gli enti promotori, in accordo con gli uffici del Comune, hanno deciso di aprire le porte dei primi due centri in anticipo rispetto a quanto programmato dal cronogramma di realizzazione.

Da lunedì saranno dunque operativi i poli notturni e diurni “San Carlo” e “Santa Rosalia” (vicolo San Carlo 62) e “Centro Agape” (piazza Santa Chiara 10). L’avvio del terzo polo è programmato entro la seconda settimana di febbraio.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.