19 Aprile 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.33
Palermo

Per contrastare l'ondata di gelo di queste ore

Emergenza freddo: il Comune di Palermo rafforza i servizi per le persone senza fissa dimora

2 Gennaio 2019

Considerato il repentino abbassamento delle temperature su Palermo, l’Assessorato alla Cittadinanza sociale, di concerto con le associazioni che operano sul territorio, ricorda che è attivo il Piano Operativo Emergenza Freddo.

Per contrastare l’ondata di gelo di queste ore, il Comune di Palermo sta rafforzando i servizi già attivi di ospitalità notturne per tutti coloro senza fissa dimora che decideranno di chiedere accoglienza e il relativo trasporto dalla strada ai posti al chiuso, in collaborazione con gli enti del terzo settore che gestiscono i servizi di emergenza sociale per conto dell’Amministrazione (dormitorio, assistenza notturna e diurna su strada, ricoveri di urgenza, mensa) e gli enti di volontariato che si occupano dei senza dimora.

Gli enti e i volontari accreditati con il Comune sono: Angeli della Notte, Sant’Egidio, Triscele, Le Ali, Frate Allegra, Rotary, City Angels, Cristo nei poveri, C.R.I., Cammino d’amore, S. Elisabetta, Missione Speranza e Anirbas.

I volontari, inoltre, avranno cura di fornire le coperte messe a disposizione dalla Protezione Civile a tutti coloro che non volessero usufruire del servizio dormitorio.

Infine, per contattare la centrale operativa della Polizia municipale relativamente alle segnalazioni per l’emergenza freddo in città il numero telefonico attivo è il seguente: 091.6733432.

I cittadini potranno effettuare le segnalazioni a partire dalle ore 19.30 e, al fine di consentire un’adeguata presa in carico, possibilmente entro le ore 22.00. La Polizia municipale attiverà i servizi diretti dell’Amministrazione o valuterà la necessità di altri interventi.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Effetto e Conseguenza

La gente si lascia trascinare nelle polemiche guardando l’effetto che si ha davanti agli occhi e non le cause che lo hanno prodotto, ossia le conseguenze che ci hanno portato a ciò. Penso al caso del campo nomadi...