16 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.39
Palermo

Le risorse ci sono, ma mancano pianificazione e progetti esecutivi

Emergenza idrica: “Primi responsabili i nostri governi”. Videointervista a Enzo Campo (Cgil)

9 Febbraio 2018

Non usa mezzi termini il segretario provinciale della Cgil di Palermo nell’individuare le responsabilità dell’emergenza idrica che si sta abbattendo a Palermo e nei comuni dell’hinterland. Per Enzo Campo i primi responsabili sono i governi regionali che si sono succeduti nel corso degli anni. Lo ha detto stamattina in occasione della conferenza stampa tenuta dall’organizzazione sindacale presso la Camera del Lavoro di via Meli.

“Ci sono delle somme che potevano essere spese per progetti – spiega Campo – che avrebbero potuto essere attuati. Certamente la responsabilità non è nè dei cittadini, che non hanno l’acqua, nè delle organizzazioni sindacali o di chi protesta. I primi responsabili sono i nostri governi, del governo regionale, dei governi territoriali. Sono le amministrazioni che devono fare le cose che qui abbiamo denunciato, progetti atavici che non arrivano mai alla conclusione”.

La crisi, secondo il leader della Cgil palermitana, non dipende esclusivamente dalla carenza di piogge, ma dalla mancanza di pianificazione degli interventi di infrastrutturazione, riparazione e manutenzione degli invasi e delle reti. Si ha consapevolezza dei problemi, delle cose da fare, le risorse ci sono ma mancano i progetti esecutivi.

Infine sul ricorso ai dissalatori la Cgil è nettamente contraria. “Non ci sono le condizioni – spiega Campo – affinchè si possa ricorrere ai dissalatori. Palermo e la sua provincia sono una realtà dove ci sono delle risorse idriche nel sottosuolo che se ben utilizzate perchè oggi sono in mano in parte ai privati, si potrebbe rispondere all’emergenza idrica”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.