Emergenza incendi, lo Zingaro di nuovo in fiamme, ustionato forestale [Le foto] | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Non c'è pace per la Sicilia

Emergenza incendi, lo Zingaro di nuovo in fiamme, ustionato forestale [Le foto]

di
23 Luglio 2017

Nel trapanese un incendio, partito dalle frazioni di Biro e Castelluzzo, nel comune di San Vito Lo Capo, ha devastato una parte della riserva naturale dello Zingaro, già devastata dalle fiamme nell’estate del 2012.

Il rogo, alimentato dal vento di scirocco, ha provocato ustioni a un uomo della forestale, che è stato trasportato in ospedale. Le fiamme hanno anche lambito alcune abitazioni a Castelluzzo. Sul posto stanno operando 4 squadre dei vigili del fuoco di Trapani, personale della forestale e un Canadair. Sono in corso operazioni di evacuazione delle villette della zona interessata alle fiamme.
Oltre a forestale e vigili del fuoco, due Canadair sono impegnati a spegnere il rogo nella parte sud della riserva dello Zingaro per scongiurare che il vento di scirocco porti le fiamme nel resto dell’area naturalistica.

“Era stato chiesto l’intervento di un terzo mezzo aereo – ha detto il sindaco di Castellammare del Golfo Nicolò Coppola – ma non è stato possibile perché in Sicilia in questo momento ci sono almeno trenta incendi”.

Sono sotto controllo, ma ancora non domati, gli altri incendi nelle frazioni di Castelluzzo e Biro, mentre alcune villette tra San Vito Lo Capo e Castellammare del Golfo sono state fatte evacuare per precauzione.

Incendi, intanto sono scoppiati anche in altre parti della Sicilia. Sui Nebrodi, fra Capo d’Orlando e Naso un altro rogo sta devastando ampie porzioni di macchia mediterranea ed è intervenuto un canadair

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.