Emergenza infinita ai Rotoli: salme sotto il sole, gli operai Reset: "Vogliamo parlare col sindaco" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

il fatto

Emergenza infinita ai Rotoli: salme sotto il sole, gli operai Reset: “Vogliamo parlare col sindaco” | VIDEO

di
3 Settembre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Sono passati 47 giorni da quando il sindaco Orlando ha ripreso la delega ai servizi cimiteriali dopo le dimissioni dell’assessore Roberto D’Agostino, per superare l’emergenza del cimitero dei Rotoli. 47 giorni in cui stando alle immagini non è cambiato nulla, anzi.

La situazione (il video risale al primo settembre), non è migliorata e gli operai della Reset presenti al cimitero di Vergine Maria sperano in un incontro con il primo cittadino per riuscire a portare le loro istanze in merito alla enorme crisi sanitaria. “Questo cimitero lo hanno spremuto“, affermano i dipendenti della Reset che non vogliono essere ripresi, “L’emergenza è reale. Ma la colpa come sempre sarà di noi operai. Noi abbiamo rispetto per i morti. Sono i politici che forse ne hanno poco. Perché non viene qui al cimitero il Sindaco a parlare con noi?“, è la loro lamentela indirizzata al primo cittadino.

Al cimitero dei Rotoli ci sono più di 400 feretri da seppellire, a fronte dello stesso numero di 2 mesi fa: in 60 giorni non è cambiato nulla. In due mesi, tanti proclami: il sindaco Orlando ha convocato riunioni, firmato ordinanze, creato quello che doveva essere il “sistema cimiteriale cittadino”, disposto un nuovo modo di trattare i resti, accorciato il numero di anni delle concessioni di sepolture. Ma il risultato non è cambiato: ci sono circa 400 bare poste sotto il sole torrido.

Il primo cittadino sta incontrando difficoltà che probabilmente non immaginava quando aveva promesso una soluzione in tempi rapidi e lamenta il fatto che non vengono rispettate le sue disposizioni:  “Entro il 10 settembre – dice il sindaco – ho intenzione di presentare un esposto alla Procura della Repubblica per rappresentare l’evoluzione dell’emergenza dei cimiteri“.

Nel frattempo continuano ad arrivare al cimitero dei Rotoli i loculi chiamati ipogei: prefabbricati che l’amministrazione comunale aveva comprato nel corso dell’estate. In totale i nuovi posti dovrebbero essere 945: secondo gli annunci passati, dovevano permettere di superare le difficoltà legate alla indisponibilità di sepolture.

La fornitura di loculi (da parte della società Latef di Brescia che si era aggiudicata la gara per 270 mila euro), doveva procedere al ritmo di 50 alla settimana. Ma di fatto così non è.

Queste le parole del sindaco Orlando pronunciate a dicembre 2019. “Si avvia finalmente a soluzione una vicenda triste, determinata dall’esaurimento dei posti nei cimiteri e dalle note difficoltà per la realizzazione di un nuovo camposanto. Grazie all’impegno di diversi uffici e soprattutto grazie all’impegno personale di molti dipendenti comunali del settore e della Reset, oggi il cimitero dei Rotoli è un luogo che restituisce dignità e rispetta il dolore di quanti hanno lì i propri cari sepolti“.

Qualcosa deve essere andato storto.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro