Emergenza maltempo in Sicilia, Musumeci: "Cadrà qualche testa" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Da lunedì operative le nuove disposizioni

Emergenza maltempo in Sicilia, Musumeci: “Cadrà qualche testa” | VIDEO

di
4 Novembre 2018

Guarda il video in alto 

Il Presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, ha convocato la giunta a Palazzo d’Orleans per discutere dell’emergenza maltempo in Sicilia e per adottare i provvedimenti urgenti per farvi fronte.

Presenti tutti gli assessori e diversi dirigenti regionali degli assessorati.

Il governatore ha fatto sapere che si attende la relazione della Protezione Civile sui Comuni isolati. Un dato certo è che sono otto le arterie stradali non percorribili in Sicilia: ss113, ss188 (in piu tratti), ss140, statale Catanese di Agrigento, la statale Platani, un tratto della A29 (nei pressi del km57) e la statale 119.

Si stanno intanto predisponendo interventi su un’ottantina di fiumi, più i 26 annunciati nei giorni scorsi: tra questi, 28 progetti del Genio civile, una decina di interventi strutturali per far fronte al dissesto idrogeologico.

Almeno 15 tra quelli programmati saranno in somma urgenza, tra cui quello sul fiume Gornalunga.

Musumeci

Stiamo accertando se ci sono responsabilità – ha detto Musumeci – Qualche testa potrebbe saltare. Quello sul Milicia era nella lista degli interventi già dal 2015, ma i soldi non erano stati stanziati“.

Già lunedì 5 novembre sarà diramata una nota di diffida ai sindaci per l’uso di edifici nei pressi di alvei e corsi d’acqua e saranno avviati al lavoro un migliaio di operai tra consorzi di bonifica e corpo forestale per rimuovere fondi di alberi, fanghi e detriti.

Operai e mezzi meccanici dell’Esa, invece, saranno inviati su strade interpoderali e strade di campagna.

Nota polemica sulla vicenda dell’accesso al Policlinico non consentito a Musumeci con il Presidente Conte per rendere omaggio alle vittime: “Non ho parole. O il capo del Cerimoniale del Presidente del Consiglio Conte o il Prefetto hanno mentito. È chiaro di fronte alle dodici vittime ho ritenuto di evitare una reazione che poteva essere anche scomposta. La condotta del capo della prefettura mi è sembrata inadeguata al ruolo. Questo costituisce un grave precedente“.

E annuncia: “Chiederó la rimozione del Prefetto“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin