Emergenza neve: mezzi in azione per garantire viabilità nel Messinese :ilSicilia.it
Messina

temperature sottozero

Emergenza neve: mezzi in azione per garantire viabilità nel Messinese

4 Gennaio 2019

Dalle prime ore della mattinata tutti i mezzi ed il personale addetto alla viabilità della Città Metropolitana di Messina sono in piena fase operativa per assicurare la percorribilità stradale nelle zone montane dove sono in corso moderate precipitazioni nevose.

Sui tratti interessati sono presenti anche gli agenti della Polizia metropolitana che garantiscono la sicurezza degli automobilisti in transito; inoltre, così come definito nel corso della riunione di ieri del Comitato Operativo Viabilità, è stata messa a disposizione della Prefettura di Messina un mezzo 4×4 per intervenire in caso di emergenza sanitaria.

I dati forniti alle ore 11.00 confermano la piena fruibilità delle strade provinciali grazie alla costante azione dei mezzi spazzaneve e spargisale.

Il problema maggiore è costituito dalla formazione di ghiaccio a causa delle basse temperature che, attualmente, a San Teodoro e Cesarò è di – 3 gradi mentre nel tratto Caronia-Capizzi è di -5,5 gradi.

neve

Sulla Caronia-Capizzi-Portella dell’Obolo sta nevicando e lo strato di neve raggiunge i 50 centimetri di neve mentre a Tortorici e Galati Mamertino lo spessore raggiunge i 10 centimetri;  ulteriori precipitazioni nevose si registrano anche sulle strade provinciali S.Teodoro-Cesarò e nel comprensorio di Montalbano Elicona.

 

LEGGI ANCHE:

Emergenza viabilità sulle Madonie e a Piano Battaglia: “Ma Orlando cerca popolarità in tv”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.