22 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 22.11
Palermo

la denuncia della Lega

Emergenza rifiuti a Palermo, Gelarda: “Città al collasso, Orlando si vergogni” | Fotogallery

24 Dicembre 2018
Via Don Orione
Via Ammiraglio Rizzo: bambini che giocano tra i rifiuti
Via Papa Sergio
Viale Michelangelo
Borgo Ulivia

Scorri la fotogallery in alto

“Il sindaco abbia rispetto dei palermitani e si concentri sulle vere emergenze della città, come le strade invase da montagne di spazzatura durante le feste di fine anno, invece di lanciare le solite iniziative-spot, utili soltanto a sè stesso”. A dirlo è Igor Gelarda, capogruppo della Lega in Consiglio comunale a Palermo e responsabile siciliano enti locali del partito guidato dal vicepremier e ministro degli Interni, Matteo Salvini.

“Iniziative – spot – continua Gelarda – come, ad esempio, la recentissima direttiva a sua firma che istituisce a Palermo un fondo da 60 mila euro per l’accoglienza dei migranti a Natale: un provvedimento che va nella direzione opposta al decreto sicurezza approvato dal parlamento per garantire più ordine nelle città. Orlando continua imperterrito a mettere al primo posto il tornaconto politico personale fatto di piroette ideologiche, invece che concentrare le energie per risolvere i problemi concreti dei palermitani, come il diritto ad avere una città pulita e civile”.

igor-gelarda01
Igor Gelarda

“È uno spettacolo indecoroso del quale il sindaco deve vergognarsi. Una pessima cartolina della città. Ed è desolante che Orlando cerchi di mettere pezze parlando di ritardi nei trasferimenti a Rap da parte del Comune e di organizzazione aziendale da rivedere. Soltanto da rivedere? Orlando è un maestro con le parole, ma i palermitani non meritano di essere presi per i fondelli”.

I rappresentanti palermitani del Carroccio hanno denunciato la drammatica emergenza rifiuti in città, documentando il degrado con centinaia di fotografie da ogni angolo di strada. Tra le istantanee, alcune ritraggono dei bambini che giocano a poca distanza dall’immondizia con topi e randagi.

Palermo Capitale italiana della Cultura 2018 – ribadisce il capogruppo della Lega – appare inesorabilmente come una discarica. La cultura dell’abbandono. Nella gestione dei rifiuti in città c’è da rivoluzionare tutto o quasi, altro che organizzazione semplicemente da rivedere. Palermo va liberata al più presto dall’incantesimo di Orlando, che ha già fatto abbastanza danni”.

“Vada via adesso, il professore, prima che le cose peggiorino ulteriormente: i cittadini avrebbero un ricordo ancora peggiore del suo operato. In ogni caso – conclude Gelarda –  per fortuna con la rivoluzione del buon senso avviata dalla Lega, la strada del cambiamento a Palermo è ormai tracciata”. 

Intanto, un video-denuncia pubblicato sulla pagina Facebook di Igor Gelarda ha fatto il giro della rete.

 

Guarda il video in basso:

 

 

 

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

L’Urbanista e il Ghostwriter

Sono cinquant’anni che percorro le stesse strade nella stessa città e quello che da sempre mi salta in mente è la piena considerazione che non sono i fabbricati a cambiare, ma è la gente e soprattutto il loro modo di vivere.
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.