Emergenza sbarchi, Musumeci: "Servono tempestivi accordi con i paesi frontalieri" :ilSicilia.it
Agrigento

la richiesta del governatore

Emergenza sbarchi, Musumeci: “Servono tempestivi accordi con i paesi frontalieri”

di
26 Luglio 2021

“I numerosi sbarchi nelle ultime ore a Lampedusa impongono ancora una volta al governo nazionale nuovi e tempestivi accordi con i Paesi frontalieri, Tunisia in testa. E’ chiaro che non possono restare isolati sia i nostri sforzi, con i trasferimenti continui sulle navi quarantena (per garantire la salute anche di chi si trova nell’Isola) e sia l’incessante lavoro della nostra Guardia costiera. Servono interventi immediati! Chiediamo che di Lampedusa, porta d’Europa, Bruxelles non si occupi soltanto per l’esternazione, dopo ogni naufragio, di una solidarietà ipocrita, che dalle parole non approda mai ai fatti”. Così il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin