Emergenza Sepsi e shock settico, la Sicilia corre ai ripari :ilSicilia.it
Catania

La conferenza sarà il 6 aprile a Catania

Emergenza Sepsi e shock settico, la Sicilia corre ai ripari

5 Aprile 2019

Sabato 6 aprile a Catania, si svolgerà, alla presenza dell’assessore Ruggero Razza e del rettore dell’università di Catania Francesco Basile, la conferenza di consenso dal titolo “Percorso diagnostico terapeutico assistenziale del paziente con sepsi e shock settico”, un progetto finanziato e supportato dall’assessorato regionale della salute su fondi del piano sanitario nazionale.

La sepsi è un’infezione che conduce a una disfunzione degli organi con alta probabilità di decesso se non si interviene entro un breve lasso di tempo. È, infatti, una delle cause di mortalità più diffuse al mondo, con un’incidenza di circa 400 casi ogni 100mila abitanti.

La regione siciliana, per questo, corre ai ripari presentando, sabato 6 aprile, nell’aula magna della torre biologica del Policlinico “Vittorio Emanuele”, un progetto che ha l’obiettivo di standardizzare ed implementare la gestione del paziente settico in Sicilia, così da garantire l’efficacia dell’intervento. Spazio anche alla formazione del personale e all’implementazione delle conoscenze sulle nuove linee guida diagnostiche ed assistenziali. Previsto, inoltre, il miglioramento delle risorse tecnologiche che permettano il supporto e l’ottimizzazione dei vari organi e delle varie funzioni vitali dei pazienti settici.

Sarà creato un database clinico, con le cartelle e i dati di tutti i pazienti a cui verrà prescritto e somministrato un antimicrobico in ambiente ospedaliero, dall’area di emergenza alla terapia intensiva. Il database, compilabile online da qualsiasi strumento elettronico, come pc, smartphone o tablet, previa registrazione anche attraverso i social network, sarà composto da semplici sezioni con scelte multiple che permetteranno di recuperare i dati clinici dei pazienti dal sistema informatizzato dell’ospedale. Il database permetterà di monitorare la categoria di antimicrobici, la ragione per cui viene somministrata, il dosaggio in rapporto allo stato clinico, la modalità di somministrazione, le colture effettuate ed infine gli effetti sul paziente.

Antonello GiarratanoIl progetto vede la Sicilia capofila, insieme alla Toscana, nell’elaborazione del Percorso diagnostico-terapeutico assistenziale, secondo le linee guida richieste dal ministero della salute. Referente del progetto è Antonello Giarratano, ordinario di anestesiologia all’università degli studi di Palermo e presidente eletto nazionale della Siaarti.

Nell’iniziativa coinvolti anche Antonio Cascio per la società italiana di malattie infettive; Stefania Stefani e Anna Giammanco per le società scientifiche di area microbiologica; Clemente Giuffrida e Giuseppe Carpinteri per la società italiana di medicina emergenza e urgenza; Alberto Firenze per la società italiana di rischio clinico e tanti altri professionisti della regione che sono, nel settore, punti di riferimento nazionale.

Ogni quattro secondi un paziente muore per Sepsi – afferma Giarratano. Il coinvolgimento e la presenza dei referenti regionali e delle società scientifiche di area critica sono determinanti per arrivare alla elaborazione di un Pdta condiviso su una delle sindromi che rappresenta la prima causa di mortalità ospedaliera, che si manifesta in modo più conosciuto in ospedale e che si sviluppa nel suo percorso clinico diagnostico terapeutico nelle aree di rianimazione e terapia intensiva.

“Se tale progetto – conclude il presidente della Siaarti  – dovesse portare anche solo a un raggiungimento parziale dell’obiettivo per un trattamento  appropriato della Sepsi, questo si rifletterà comunque in alcune centinaia di vite salvate”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 17:03