Emozioni di danza e videomapping nella notte di piazza Pretoria [Video] | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Stasera, 30 dicembre, sono previsti un concerto e una Festa a Bballu

Emozioni di danza e videomapping nella notte di piazza Pretoria [Video]

30 Dicembre 2016

L’intero prospetto di Palazzo delle Aquile, di Palazzo Bonocore, della chiesa di Santa Caterina e della fontana Pretoria sono diventati teatro di uno spettacolare intervento artistico di danza e videomapping. Lo spettacolo di danza si è svolto tra le statue e le scalinate del complesso della fontana Pretoria ricordando il dipinto “La Danza” di Matisse e la performance è stata divisa in 4 quadri a firma dei coreografi, Vebjorn Sundby, Lorand Zachar, Alessandro Cascioli, Alessio Damiani che hanno lavorato su quattro elementi: l’acqua (elemento primario), la luna (luna e cielo), il mito (statue), il colore (da Matisse). Dopo aver trasformato la piazza in una galleria d’arte en plein air, fino alle 24 è andato in scena uno spettacolo multidisciplinare di videoarte e illuminazioni: scenografie virtuali, videomapping, musiche e illuminazioni artistiche. A cura di I-World per il Comune di Palermo, l’organizzazione è di Sinergie Group. Stasera, 30 dicembre, sono previsti un concerto e una Festa a Bballu a piazza Pretoria, tra videomapping su palazzo Bonocore e palazzo delle Aquile, e illuminazioni artistiche che interagiscono con musiche all’interno della fontana Pretoria e sulla chiesa di Santa Caterina. I canti della Novena natalizia faranno da aperitivo dalle 21,30, poi la Festa a Bballu fino alle 23,30.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona