"En Kai Pan" con Valeria Patrizia Li Vigni per scoprire il Museo Riso | Video intervista | ilSicilia.it :ilSicilia.it

La rubrica diretta da Aurelio Pes

“En Kai Pan” con Valeria Patrizia Li Vigni per scoprire il Museo Riso | Video intervista

29 Settembre 2018

 

Guarda il video della settima puntata in alto

Settima puntata, dopo la pausa estiva, per “En kai pan“, la rubrica de ilSicilia.it: questa settimana ospitiamo Valeria Patrizia Li Vigni, direttrice del Polo d’Arte moderna e contemporanea del Museo Riso di Palermo.

Con lei abbiamo voluto scoprire questo luogo fondamentale per l’arte contemporanea, che parte dalla collezione permanente con artisti come Accardi, Sanfilippo , Consagra o Kounellis, per

“Quando venni a dirigere il Museo – ci ha detto Valeria Patrizia Li Vigni –  le luci erano quasi spente, decisi che dovevo aprirmi e attrarre i grandi siciliani che avevano avuto successo all’estero ma mai qui in Sicilia e cominciai con grossi nomi quali Cossyro, Canzoneri, Simeti. Ciascuno fece mostre qui a Palermo e vollero lasciare loro opere in dono. Mi fa piacere ricordare che circa il trenta per cento delle opere sono state acquisite per donazione e dal 2013 in poi fanno parte del Museo Riso”.

Fra le opere che è possibile ammirare al Museo Riso, fra le altre, possiamo ricordare le grandi tele di Pupino Samonà, le sculture di Pietro Consagra e molte altre opere di importanti nomi dell’arte.

Con Valeria, abbiamo inoltre parlato di altri importanti luoghi della cultura da lei diretti e rilanciati: tra questi, anche Palazzo Daumal e il Museo Pepoli.

In alto il video con la nostra intervista

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.