19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56

La rubrica diretta da Aurelio Pes

“En Kai Pan” con Valeria Patrizia Li Vigni per scoprire il Museo Riso | Video intervista

29 Settembre 2018

 

Guarda il video della settima puntata in alto

Settima puntata, dopo la pausa estiva, per “En kai pan“, la rubrica de ilSicilia.it: questa settimana ospitiamo Valeria Patrizia Li Vigni, direttrice del Polo d’Arte moderna e contemporanea del Museo Riso di Palermo.

Con lei abbiamo voluto scoprire questo luogo fondamentale per l’arte contemporanea, che parte dalla collezione permanente con artisti come Accardi, Sanfilippo , Consagra o Kounellis, per

“Quando venni a dirigere il Museo – ci ha detto Valeria Patrizia Li Vigni –  le luci erano quasi spente, decisi che dovevo aprirmi e attrarre i grandi siciliani che avevano avuto successo all’estero ma mai qui in Sicilia e cominciai con grossi nomi quali Cossyro, Canzoneri, Simeti. Ciascuno fece mostre qui a Palermo e vollero lasciare loro opere in dono. Mi fa piacere ricordare che circa il trenta per cento delle opere sono state acquisite per donazione e dal 2013 in poi fanno parte del Museo Riso”.

Fra le opere che è possibile ammirare al Museo Riso, fra le altre, possiamo ricordare le grandi tele di Pupino Samonà, le sculture di Pietro Consagra e molte altre opere di importanti nomi dell’arte.

Con Valeria, abbiamo inoltre parlato di altri importanti luoghi della cultura da lei diretti e rilanciati: tra questi, anche Palazzo Daumal e il Museo Pepoli.

In alto il video con la nostra intervista

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.