Endorsement di Genovese alla Lega? Gelarda: "Salvini lo impedirà" :ilSicilia.it

verso le elezioni europee

Endorsement di Genovese alla Lega? Gelarda: “Salvini lo impedirà”

di
7 Maggio 2019

Bufera nella Lega siciliana dopo i rumors legati al presunto appoggio elettorale che l’ex sindaco di Messina, Francantonio Genovese, starebbe assicurando al candidato leghista Angelo Attaguile, candidato alle Elezioni Europee.

Genovese, con un passato Dem da renziano della prima ora, due anni fa ha “saltato il fosso” e indossato la casacca “azzurra” passando a Forza Italia. C’è già chi come Fabio Cantarella ha parlato di trasformismi politici che non possono essere ascrivibili alla coerenza del Carroccio e al suo si aggiunge adesso il monito di Igor Gelarda, responsabile regionale enti locali della Lega e capogruppo del partito in Consiglio comunale a Palermo

In Sicilia con la Lega abbiamo un sogno – dice –  quello di risollevare una terra bellissima ma martoriata da decenni di cattiva politica e malaffare: non permetteremo che personaggi come Fracantonio Genovese, Lombardo e i peggiori accoliti cuffariani, insieme a Miccichè, trasformino il sogno dei siciliani liberi e onesti in un incubo. Salvini lo impedirà”.

“Nell’ultimo periodo – aggiunge Gelardasi susseguono notizie di stampa che darebbero alcuni esponenti poco raccomandabili della vecchia politica siciliana in avvicinamento alla Lega in vista delle elezioni europee del 26 maggio”.

“Sono tentativi temerari da equilibristi che non troveranno nessun appiglio nel progetto di rinnovamento della Sicilia di Matteo Salvini, grazie al lavoro sui territori del senatore Stefano Candiani, sottosegretario al ministero dell’Interno e commissario del nuovo corso leghista nell’Isola, che insieme a me – conclude Gelarda – vede protagonista con orgoglio in ogni angolo della regione anche l’amico Fabio Cantarella“.

 

LEGGI ANCHE:

L’ex Pd poi forzista Genovese con la Lega? Cantarella: “Porte sbarrate”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.