14 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.32

verso le elezioni europee

Endorsement di Genovese alla Lega? Gelarda: “Salvini lo impedirà”

7 Maggio 2019

Bufera nella Lega siciliana dopo i rumors legati al presunto appoggio elettorale che l’ex sindaco di Messina, Francantonio Genovese, starebbe assicurando al candidato leghista Angelo Attaguile, candidato alle Elezioni Europee.

Genovese, con un passato Dem da renziano della prima ora, due anni fa ha “saltato il fosso” e indossato la casacca “azzurra” passando a Forza Italia. C’è già chi come Fabio Cantarella ha parlato di trasformismi politici che non possono essere ascrivibili alla coerenza del Carroccio e al suo si aggiunge adesso il monito di Igor Gelarda, responsabile regionale enti locali della Lega e capogruppo del partito in Consiglio comunale a Palermo

In Sicilia con la Lega abbiamo un sogno – dice –  quello di risollevare una terra bellissima ma martoriata da decenni di cattiva politica e malaffare: non permetteremo che personaggi come Fracantonio Genovese, Lombardo e i peggiori accoliti cuffariani, insieme a Miccichè, trasformino il sogno dei siciliani liberi e onesti in un incubo. Salvini lo impedirà”.

“Nell’ultimo periodo – aggiunge Gelardasi susseguono notizie di stampa che darebbero alcuni esponenti poco raccomandabili della vecchia politica siciliana in avvicinamento alla Lega in vista delle elezioni europee del 26 maggio”.

“Sono tentativi temerari da equilibristi che non troveranno nessun appiglio nel progetto di rinnovamento della Sicilia di Matteo Salvini, grazie al lavoro sui territori del senatore Stefano Candiani, sottosegretario al ministero dell’Interno e commissario del nuovo corso leghista nell’Isola, che insieme a me – conclude Gelarda – vede protagonista con orgoglio in ogni angolo della regione anche l’amico Fabio Cantarella“.

 

LEGGI ANCHE:

L’ex Pd poi forzista Genovese con la Lega? Cantarella: “Porte sbarrate”

Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.