Mazzette in cambio di autorizzazione per fotovoltaico, si allarga l’inchiesta :ilSicilia.it

Sia il mediatore Vincenzo Salvatore Sucato, che il dirigente regionale Salvatore Rando fanno ammissione

Mazzette in cambio di autorizzazione per fotovoltaico, si allarga l’inchiesta

di
5 Gennaio 2017

Sospendere i contratti tra la’azienda Rtr Holdings II srl e la Regione Sicilia e impedire qualsiasi altri contratto tra le due parti. E’ questa la richiesta del pm Claudia Ferrari mentre il Gip sta per decidere sulla richiesta avanzata dalla Procura sull’interdizione anche per la società coinvolta nella vicenda della corruzione all’Assessorato regionale all’Energia. Sia il mediatore Vincenzo Salvatore Sucato, che il dirigente regionale Salvatore Rando fanno ammissione: Rando è stato sospeso per sei mesi dalle sue funzioni mentre per il mediatore che elargiva mazzette confermati i domiciliari dal tribunale del Riesame. Proprio Sucato ha spiegato ai magistrati di essere stato costretto a pagare una mazzetta che, secondo il pm Ferrari e il procuratore aggiunto Bernardo Petralia, è stata di settemila euro, mentre l’indagato e i suoi legali, gli avvocati Nino Caleca e Giovanni Di Benedetto, parlano di 4300.

In cambio di una tangente di 7 mila euro, l’assessore Rando avrebbe rilasciato un’autorizzazione per collegare un impianto fotovoltaico alla linea elettrica nazionale nel Comune di Ragusa. Una sanatoria volta ad erogare gli incentivi previsti dalla legge per la produzione di energia prodotta da fonti rinnovabili.

Gli accertamenti puntano ora pure su lavori e finanziamenti relativi a fonti di energia rinnovabile, realizzati in tutte le province dell’Isola; il gip Walter Turturici valuta la richiesta di esclusione della multinazionale, per un anno, da ogni tipo di finanziamento, agevolazione e contributo pubblico, per quel che riguarda gli impianti nel territorio siciliano. La Rtr sostiene la totale estraneità dei fatti mentre il suo titolare, Paolo Lugiato, è accusato di essere stato il mandante della corruzione.

Stando alle decisioni di Lugiato, Salvatore Sucato non avrebbe avuto la copertura della Rete Rinnovabile; quest’ultimo quindi, visti anche i bloccati dei propri compensi, avrebbe sborsato i soldi di tasca propria cercando di spalmarla sulle successive fatture emesse dalla società per recuperare il denaro. Questo è quanto è riportato nella versione di Sucato che vorrebbe dimostrare di essere stato costretto a pagare.

Rando, tramite il legale Pastorello, era invece stato molto vago: in una prima fase, rendendo dichiarazioni spontanee davanti ai pm, aveva sostenuto che quei soldi erano stati una sorta di gratifica per la gran mole di lavoro svolta. Poi, riascoltato dai magistrati in un interrogatorio, aveva ammesso di aver preso quel denaro. Sostenendo che il sì al finanziamento gli era stato caldeggiato da un suo superiore gerarchico

La retribuzione avvenne, comunque, il 14 dicembre del 2015 alle ore 11 e alle 14 il provvedimento fu protocollato grazie ad una microspia che aveva registrato la consegna da parte dell’ex assessore e il conteggio dei soldi da parte di Rando.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.