12 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.32
Palermo

Sit in a Palermo in viale Regione Siciliana

Engineering, torna lo sciopero degli informatici in tutta Italia: contratto fermo dal 2009

3 Dicembre 2018

Non sono bastate le proteste del 25 settembre e del 19 ottobre scorsi. Gli ingegneri del colosso dell’informatica più grandi del Paese, la Engineering Ingegneria Informatica SpA, (con un portafoglio ricavi che supera il miliardo di euro nel 2017) tornano a protestare.

Lo faranno in tutta Italia, da Assago (Milano) a Palermo, con lo sciopero di 2 ore e presidio davanti gli uffici della sede dalle 11 alle 13, a sostegno dell’apertura di un tavolo per la trattativa del contratto integrativo, fermo al 2009.

Nel Capoluogo siciliano sono circa 200 dipendenti in viale Regione Siciliana 7275 (Zona industriale Nord) e si occupano sostanzialmente di programmazione informatica, vendita software e gestione database.

engineeringIl nodo della protesta riguarda il blocco degli aumenti promessi ai lavoratori, con gli stipendi fermi dal 2009.

I sindacati Fim Fiom Uilm (Coordinamento nazionale RSU del Gruppo Engineering) protestano: “Riaprire subito il negoziato! Il Gruppo Engineering realizza importanti risultati economici: più di un miliardo di euro di fatturato. Invitiamo l’Azienda a riflettere sui risultati del sondaggio dalla stessa commissionata sul clima aziendale: oltre il 53% dei dipendenti che hanno risposto ritiene di avere uno stipendio inadeguato, oltre il 61% ritiene non ci sia equità nell’erogazione dei premi e dei benefit. 

A fronte del persistere della chiusura dell’Azienda in merito alla trattativa sul rinnovo del contratto integrativo, il Coordinamento Engineering ha deciso di distribuire le 8 ore già proclamate, definendo pacchetti di due ore di sciopero in entrata, per le giornate di martedì 4 e 18 dicembre 2018 e di martedì 15 e 29 gennaio 2019“.

 

LEGGI ANCHE:

Engineering, informatici in sciopero da Milano a Palermo

Engineering, sciopero nazionale: in piazza gli ingegneri palermitani

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.