Enna: l’ex ospedale diventa il Centro direzionale della Regione :ilSicilia.it
Enna

IL SOPRALLUOGO DEL PRESIDENTE MUSUMECI, L'ASS. RAZZA E IUDICA (ASP)

Enna: l’ex ospedale diventa il Centro direzionale della Regione

di
9 Febbraio 2021

Fare dell’ex ospedale civico “Umberto I” di Enna il Centro direzionale della Regione Siciliana. Questo l’obiettivo del governo regionale per il quale il presidente Nello Musumeci ha voluto compiere un sopralluogo nel dismesso nosocomio.

Accompagnato dall’assessore regionale per la Salute Ruggero Razza, il presidente è stato ricevuto dal direttore dell’Asp Francesco Iudica e dai dirigenti sanitario e tecnico. La struttura potrebbe ospitare alcune centinaia di dipendenti e porre così fine all’inevitabile degrado in una area di particolare interesse urbanistico.

“Obiettivo del presidente e dell’assessore – si legge nella nota – è quello di disporre il progetto esecutivo affinché, entro l’estate, si possano affidare i lavori di ristrutturazione. Al termine del sopralluogo, il presidente Musumeci si è recato in visita all’Ispettorato del lavoro e all’Ufficio provinciale del lavoro. L’assessore Razza, dal canto suo, ha voluto salutare gli operatori del Centro vaccini di Enna“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.