23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.10
Enna

nell'ambito dell'operazione Triskelion

Enna, mafia: sequestrati beni per 10 milioni di euro ad un imprenditore

30 Gennaio 2018

Nelle province di Caltanissetta, Enna e Milano, i finanzieri nisseni quelli di Milano e di Varese hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro di beni per 10 milioni di euro, riconducibili all’imprenditore Felice Cannata, 56 anni, di Pietraperzia (Enna), e ad alcuni congiunti.

Cannata è stato condannato per associazione mafiosa, nell’ambito dell’operazione Triskelion della Guardia di Finanza di Caltanissetta, e per dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni false o inesistenti nell’ambito della sua attività di imprenditore.

Il provvedimento riguarda un’azienda agricola, una ditta individuale, 182 ettari di terreno, 22 fabbricati, 11 tra macchine agricole e mezzi di produzione, 46 conti correnti e disponibilità finanziarie. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Enna.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.