15 novembre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 07.31
caronte manchette
caronte manchette
Enna

Il centro si trova presso il Villaggio Pergusa

Enna: migranti spacciavano nella comunità di accoglienza dell’ex assessore | Video

28 agosto 2018

Un’operazione della Squadra mobile di Enna, denominata Black Lake, ha svelato una rete di spaccio di sostanze stupefacenti, nello specifico marijuana, gestita da un gruppo di giovani immigrati ospiti in un centro di accoglienza ubicato presso il Villaggio Pergusa, gestito dalla cooperativa Ippocrate di cui è legale rappresentante l’ex assessore regionale della famiglia dell’Mpa, Paolo Colianni. L’attività investigativa è stata coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Enna e portata avanti con la collaborazione dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico di Enna e Catania e del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale.

In particolare, gli stranieri, stazionando nei pressi della struttura, attendevano l’arrivo dei clienti, a bordo di veicoli od appiedati e, generalmente, dopo aver preso l’ordinazione, si adoperavano per recuperare dello stupefacente da loro precedentemente occultato nell’area della struttura e nelle vicinanze, per poi cederlo agli acquirenti, spesso anche minorenni.

Il pubblico ministero titolare delle indagini, valutati gli esiti  – esplicata anche con operazioni tecniche di video sorveglianza dell’area ove insiste la struttura, che ha portato a numerosi sequestri di sostanza stupefacente del tipo marijuana e contestazioni agli acquirenti per uso personale di stupefacenti – emetteva i decreti di perquisizione in questione, nonché contestuale informazione di garanzia a carico dei soggetti indagati, attività tuttora in corso.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I bambini iperattivi non sono maleducati

Alle scuole e alle famiglie mancano sempre le risorse sufficienti per svolgere al meglio questo difficile incarico. Occorre che tutte le figure coinvolte lavorino in sinergia, assumendo atteggiamenti autorevoli e coerenti.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.