Ente Luglio Musicale Trapanese: una storia di successo | VIDEO :ilSicilia.it
Trapani

Parla Giovanni De Santis

Ente Luglio Musicale Trapanese: una storia di successo | VIDEO INTERVISTA

16 Ottobre 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Ci siamo soffermati alcuni minuti con Giovanni De Santis, protagonista di 5 anni di gestione totale dell’Ente Luglio Musicale Trapanese. Una storia di successo, insieme a poche altre a livello nazionale ed in netta controtendenza nonostante la crisi che ancora attanaglia il mondo teatrale e non solo. Abbiamo voluto parlare di questo history case con il suo principale artefice, che in un excursus appassionato, ci ha raccontato il nuovo corso dello storico teatro d’opera siciliano.

Fino a pochi anni fa, l’Ente Luglio Musicale Trapanese era a rischio liquidazione, ma poi è stato risanato e si è trasformato in un’azienda performante generatrice di opportunità per il territorio. Un quinquennio di lavoro svolto non sempre in condizioni ottimali: rilancio, accessibilità a tutte le fasce del pubblico, con una politica dei prezzi studiata con attenzione per rispondere alle esigenze di tutti, lasciandosi alle spalle una concezione elitaria del teatro, aumento della produzione, incremento esponenziale degli spettatori, consolidamento sul piano progettuale e artistico, di una rete di rapporti con altri teatri di tradizione italiani, con università, accademie, scuole e, non ultimo, con prestigiosi festival e autorità governative di altri Paesi. Queste le azioni principali.

Il Teatro, a 5 anni dall’insediamento di Giovanni De Santis, fa il bilancio dei risultati raggiunti.

«Abbiamo risanato rilanciando e non rassegnandoci mai, anche nei momenti di maggiore difficoltà – dichiara lo stesso De Santis – Abbiamo deciso di rispondere alla crisi gestendo responsabilmente i conti, affrontando le criticità che derivavano dal passato. L’Ente Luglio Musicale Trapanese che risana, rilancia, produce –  a dimostrazione che la buona gestione e la cultura producono economia anche in tempi di crisi. Il Teatro, oggi, grazie all’impegno e al senso di responsabilità di quanti vi lavorano e al progetto di risanamento e rilancio attuato, è un teatro che ha ripreso il suo posto in città, tornando ad essere un’istituzione culturale di eccellenza, aperta, viva, vitale e di riferimento, non esclusiva ma inclusiva».

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.