Ente Luglio Musicale Trapanese, via alla 71ª stagione lirica invernale :ilSicilia.it
Trapani

Si comincia mercoledì 30 ottobre alle 21

Ente Luglio Musicale Trapanese, via alla 71ª stagione lirica invernale

22 Ottobre 2019

Al via la 71ª stagione lirica invernale dell’Ente Luglio Musicale Trapanese che va in scena con sei appuntamenti in cartellone al Teatro “M° Tonino Pardo”, a Trapani.

Si comincia mercoledì 30 ottobre, alle ore 21.00 e si replica il 2 novembre, sempre alla stessa ora, con La Prova di un’opera seria, farsa in un atto dell’abate Giulio Artusi musicata da Francesco Gnecco.  La regia è di Salvo Piro e il direttore è Manuela Ranno.

Si continua domenica 10 novembre, alle ore 21.00, con Cendrillon, l’opera da salotto di Pauline Viardot, liberamente ispirata alla celebre fiaba di Cenerentola, realizzata quest’anno in coproduzione con la Fondazione Teatro Coccia di Novara. Dopo i successi delle passate edizioni andrà in scena un’accattivante rielaborazione per orchestra. La regia è di Teresa Gargano. La direzione musicale è affidata a Michelangelo Rossi.

Giovedì 21 novembre, alle ore 21.00, al Teatro “M° Tonino Pardo” un originale dittico La Gattomachia, favola musicale per narratore, violino concertante, e archi con musica e testo di Orazio Sciortino liberamente tratto da La Gatomaquia di Lope de Vega e Pierino e il lupo, il celebre racconto musicale del compositore russo Sergej Prokofiev.

Si conclude venerdì 22 novembre e domenica 24 novembre, alle ore 21.00, sempre al Teatro “M° Tonino Pardo” con l’opera Il Matrimonio Segreto di Domenico Cimarosa, capolavoro del genere buffo, diretto da Andrea Certa, con la regia di Natale De Carolis. Una stagione invernale che vedrà protagonista l’Orchestra dell’Ente Luglio Musicale Trapanese.

Anche quest’anno il Luglio Musicale Trapanese ha stretto una collaborazione con il Liceo Scientifico “V. Fardella” e il Liceo Classico “L. Ximenes” di Trapani. Sarà infatti messa in scena sabato 30 novembre, alle ore 21.00, la commedia Il Malato Immaginario di Molière con la partecipazione degli studenti con la regia di Cristina Lucido.

Ed ancora il musical “We will rock you – School edition”, uno spettacolo con le canzoni dei Queen. Un racconto tra emozioni e risate, un’esaltazione del Rock and Roll. La regia è di Cristina Lucido e la direzione musicale di Manuela Noce. Gli spettacoli si svolgeranno sempre al Teatro “M° Tonino Pardo” di Trapani.

 


Il Luglio Musicale Trapanese ha stilato, come ogni anno, anche un ciclo di matinée per le scuole del territorio. Per informazioni sui matinée contattare il numero 328 3080177.

Costi biglietti: intero € 10,00, ridotto € 7,00 (per abbonati Ente Luglio Musicale Trapanese, Amici della Musica di Trapani, Conservatorio di Musica “A. Scontrino”, i giovani fino a 24 anni previa presentazione di attestazione di frequenza o libretto universitario).

Dove acquistare i biglietti: sarà possibile acquistare i biglietti presso il Botteghino dell’Ente Luglio Musicale Trapanese, sito in Viale Regina Margherita 1, a Trapani (all’interno della Villa Margherita), dal lunedì al sabato dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 16.30 alle ore 19.00, sul sito www.lugliomusicale.it oppure presso la sede dell’evento a partire da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.