Ente Parco delle Madonie: il sindaco di Castelbuono eletto componente del comitato esecutivo :ilSicilia.it

Vice presidente il sindaco di Isnello

Ente Parco delle Madonie: il sindaco di Castelbuono eletto componente del comitato esecutivo

13 Novembre 2018

Deliberata nel corso dell’ultima seduta di Consiglio la nomina del terzo componente del Comitato Esecutivo dell’Ente Parco delle Madonie, in rappresentanza delle istituzioni locali e con alta e comprovata esperienza nella salvaguardia della natura e dell’ambiente, secondo quanto previsto dall’art. 39 della L.R. 7/5/2015 N° 9 in materia di “Rappresentanze degli Organi degli Enti vigilati”, che ne ha sensibilmente ridotto il numero e stabilito la gratuità degli incarichi.

Eletto quasi all’unanimità dai Sindaci presenti, con 12 voti favorevoli e una scheda bianca, il sindaco di Castelbuono Mario Cicero che svolgerà al suo interno le funzioni, unitamente agli altri due componenti di diritto, ovvero il presidente del Parco e il Dirigente del Servizio dell’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste come competente per territorio, in materia di rappresentanza dell’Amministrazione Regionale.

Vice presidente del Parco, è stato eletto il sindaco di Isnello, avvocato Marcello Catanzaro.

Il Commissario straordinario, Salvatore Caltagirone ha ringraziato per il risultato che è stato possibile raggiungere al termine di un lungo periodo, infatti, dice: “Da oltre due anni e precisamente dal mese di luglio 2016, data ultima della prorogatio, il Comitato esecutivo non aveva più continuato ad esercitare le sue funzioni, in attesa della nomina o dell’elezione dei successori. Sono convinto dell’importanza che riveste la collegialità, la partecipazione e il sistema di relazione che implicano tutti assieme, meccanismi di collaborazione per il raggiungimento delle finalità istituzionali”.

“E’ proprio la collegialità sistemica, quella che costituisce l’essenza di un organismo virtuoso che al di là delle proprie attribuzioni, riesce senza alcun veto a sostenere l’importanza dei processi decisionali basati sulla partecipazione democratica di tutte le componenti direttamente coinvolte, Presidente, Direttore, Sindaci, Esperti chiamati a collaborare insieme, per la funzionalità dell’Ente Parco.
Ciò implica, a mio avviso, l’esistenza di rapporti umani che rendono operativi e facilitano la rete di relazioni verticali tra le varie Istituzioni, nonché le interazioni tra le diverse componenti lavorative. Un apparato, se funzionante, sarà in grado di sviluppare sinergie, promuovere intese, collaborazioni e facilitare i processi decisionali, pur nella discussione partecipata e non sempre supportata all’origine, dalla totalità della condivisione”.

“A sua volta però, aggiunge, la realizzazione di progetti inseriti nel più ampio contesto della realtà e dello sviluppo territoriale, può permetterci di individuare altri potenziali partner di attività. In questo senso, il Comitato esecutivo dell’Ente Parco delle Madonie, è chiamato a svolgere, al pari dei suoi stessi componenti, un triplice ruolo: culturale, sociale ed economico con capacità di sviluppo sistemico. Ed è questo, ciò che auspico sin da questo momento”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.