17 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.38
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11

Prende il posto di Bellomo

Ente Parco Madonie, si è insediato il nuovo direttore Ambrosetti

12 febbraio 2019

Si è insediato il direttore reggente dell’Ente Parco Madonie, l’avvocato Alfredo Ambrosetti. L’avvocato Ambrosetti prende il posto di Peppuccio Bonomo.

Nominato con decreto dell’Assessore al Territorio e Ambiente Toto Cordaro, ricoprirà il ruolo apicale della macchina burocratica e amministrativa dell’Ente, in attesa dell’espletamento delle procedure relative al nuovo bando per la designazione del nuovo Direttore, il cui precedente mandato è giunto alla scadenza naturale del contratto. Alfredo Ambrosetti, professionista di grande esperienza, accompagnato dal Commissario Straordinario Salvatore Caltagirone, ha incontrato subito i dipendenti per porgere i saluti e subito dopo il direttore uscente per fare il punto della situazione.

Già direttore del Cerisdi con attività di programmazione dell’attività progettuale e didattica e di gestione del personale e dell’Azienda delle Terme di Sciacca, Commissario ad acta per la redazione del Pudm (Piano di utilizzazione del demanio marittimo) del Comune di Sciacca, le sue competenze spaziano in diversi settori: diritto amministrativo degli enti locali, settore turistico ricettivo e del marketing turistico, settore del credito agevolato per le PMI e le cooperative in materia di diritto societario e tributario. Oggi è consulente dell’Assessore regionale al Territorio e Ambiente e dal mese di febbraio dello scorso anno, il capo della Segreteria Tecnica.

Il nuovo direttore reggente, rivolgendosi a tutti i dipendenti presenti, ha sottolineato il suo impegno per l’incarico ricevuto ed ha formulato la necessità di uno spirito di collaborazione ad ogni livello: “Sono lieto – ha detto – di poter lavorare in un territorio ricco di grandi tradizioni, cultura e arte. Le mie esperienze, mi hanno permesso di apprezzare nelle diverse realtà, il valore aggiunto del lavoro di squadra che, sono certo, anche stavolta, sarà uno stimolo a creare una dimensione lavorativa adatta allo sviluppo delle diverse capacità individuali. Ho sempre affrontato con energia e con fiducia anche le situazioni più difficili, contando sulle qualità professionali ed etiche del personale. Avrò incontri con le istituzioni, ci conosceremo e , valorizzando il positivo lavoro già svolto, nel segno delle nuove indicazioni e proposte, auspico di continuare con un comune cammino di progresso”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.