Entra nel vivo il cantiere per via Anfuso a Catania, Pogliese: "Impegno mantenuto" :ilSicilia.it
Catania

STANZIATI CIRCA 8 MILA DI EURO

Entra nel vivo il cantiere per via Anfuso a Catania, Pogliese: “Impegno mantenuto”

di
24 Febbraio 2021

Via Filippo Anfuso, importante asse viario della zona industriale di Catania, si appresta a cambiare radicalmente volto, con l’esecuzione dei lavori di messa in sicurezza e rifacimento dell’infrastruttura stradale, con annessa pulizia delle caditoie di captazione delle acque piovane e relativi collettori di collegamento, promossi dall’Amministrazione Comunale nell’ambito dei fondi comunitari del Patto per Catania.

Il nuovo cantiere è stato ufficialmente aperto dal sindaco Salvo Pogliese e dagli assessori Pippo Arcidiacono e Sergio Parisi, alla presenza del presidente commissione consiliare lavori pubblici Angelo Scuderi, del presidente del VI Municipio Alfio Allegra, del capo di gabinetto Giuseppe Ferraro e del direttore delle manutenzioni comunali Salvo Leonardi, alla cui struttura comunale si deve la redazione del progetto finanziato coi fondi UE.

LE PAROLE DEL SINDACO

Il cantiere per il rifacimento della via Anfuso – ha detto il sindaco Salvo Pogliese – è un impegno mantenuto, uno degli interventi programmati nella Zona Industriale, per ridare dignità a un’area produttiva vissuta ogni giorno da migliaia di lavoratori, fulcro dell’economia della nostra città con quasi trecento aziende presenti. Lavori resi ancora ancora più necessari alla luce degli investimenti programmati – per oltre un miliardo e mezzo di euro – da Enel Green Power e da un’altra grande azienda nazionale che a breve potremo ufficializzare, con più di mille e cinquecento nuovi posti di lavoro“.

Insieme agli assessori Parisi e Arcidiacono – ha concluso Pogliese – abbiamo rimodulato i fondi originariamente previsti passando da passando da 12 a 32 milioni, grazie anche al contributo di dieci milioni di euro, che ci consentiranno di recuperare 40 anni di abbandono e incuria della zona industriale di Catania“.

I LAVORI

La strada oggetto d’intervento, lunga poco più di due chilometri e larga circa quindici metri, è un’area in cui i percorsi sono fortemente interessati dal traffico urbano sia leggero che pesante, ricadente nella zona industriale di Catania.

L’arteria stradale era completamente disgregata in più punti, condizioni critiche determinate da fessurazioni e avvallamenti dovuti al cedimento del sottofondo, con rilevanti carenze in materia di sicurezza che necessitano immediati interventi risolutivi. In particolare il tappetino d’asfalto che verrà rifatto completamente, per agevolare il traffico veicolare e quello pedonale, quest’ultimo praticamente reso impossibile dall’assenza di spazi idoneamente attrezzati.

L’input progettuale era stato dato nello scorso mese di giugno dal sindaco Salvo Pogliese che aveva raccolto le sollecitazioni degli imprenditori che operano nella zona industriale sulle cattive condizione dell’asse stradale.

Nelle scorse settimane il Comune tramite il sistema elettronico Mepa aveva appaltato i lavori all’impresa Restivo Costruzione, che eseguirà i lavori di ammodernamento di via Anfuso in quattro mesi, per un ammontare contrattuale di 807.389, 49 euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin