Eolie: traghetto con 350 turisti si schianta contro uno yacth, cinque feriti | FOTO :ilSicilia.it
Messina

Aperta un'inchiesta dalla Procura

Eolie: traghetto con 350 turisti si schianta contro uno yacth, cinque feriti | FOTO

di
20 Agosto 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Un traghetto con 350 turisti si è scontrato con uno yacht nel mare delle Eolie. Cinque i feriti di cui uno grave. Erano tutti sul vaporetto. Illesi gli occupanti dello yacht. È intervenuta la Guardia Costiera che ha scortato la nave nel porto di Santa Marina Salina dove, ad attenderli in banchina per le cure del caso, vi era il personale del servizio 118 con ambulanza.

Dopo aver fatto sbarcare tutti dal traghetto i militari hanno convocato il comandante del natante, il suo equipaggio ed alcuni passeggeri, in qualità di testimoni oculari, per raccogliere tutte le informazioni ad una prima ricostruzione dei fatti.

Dei cinque passeggeri feriti, quello più grave è stato trasportato con l’elisoccorso del 118 nel Policlinico di Messina mentre gli altri, a bordo dell’unità della Guardia Costiera, sono stati portati e medicati nel pronto soccorso di Lipari. Nel frattempo, lo yacht coinvolto nell’incidente, accertate le buone condizioni di salute degli occupanti ed in discrete condizioni di navigabilità, è stato dirottato verso il porto di Lipari dove ad attenderli vi era il personale della Guardia Costiera.

È stata aperta un’inchiesta dalla Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, e dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Lipari per accertare le dinamiche dell’incidente ed accertare le eventuali responsabilità.

Il turista rimasto ferito avrebbe riportato un trauma cranico. L’imbarcazione carica di turisti era partita da Capo D’Orlando. Doveva far fare ai passeggeri un tour delle Eolie e in serata rientrare in terraferma.

Nelle 7 isole c’è anche una presenza record di natanti grandi e piccoli: circa 5 mila. Qualche sera fa si era registrato un altro incidente vicino ai faraglioni. Uno yacht di 15 metri era finito sugli scogli a pelo d’acqua e aveva rischiato di affondare. I turisti erano stati soccorsi da una motovedetta della guardia costiera, mentre lo yacht è stato trainato in porto. Una trentina sono i vaporetti che ogni giorno arrivano dalla Sicilia e dalla Calabria. Le isole più ambite per le gite sono Vulcano, Lipari, Stromboli e Panarea.

LE INDAGINI

La collisione tra il vaporetto e lo yacht avvenuta nel pomeriggio si è verificata nel canale tra Lipari e Salina. La Capitaneria di Porto ha già avviato i primi accertamenti. Il comandante Francesco Principale ha iniziato gli interrogatori degli equipaggi per accertare quale delle due imbarcazioni non abbia rispettato la precedenza. Il vaporetto era diretto a Salina, mentre lo yacht con cinque turisti di Salerno era diretto a Filicudi. Il turista che ha riportato il trauma cranico è ricoverato al Policlinico di Messina.

Secondo le prime ricostruzioni, sarebbe del vaporetto che proveniva da Capo D’Orlando, scontratosi con uno yacht, la responsabilità dell’incidente. Il comandante non avrebbe rispettato la precedenza travolgendo il natante.

Negli uffici della Capitaneria di Porto di Lipari e di Salina proseguono intanto gli interrogatori del comandante dell’ imbarcazione e del proprietario dello yacht. Le indagini sono condotte dal pm della procura di Barcellona Alessandro Liprino. I 4 feriti trasportati al pronto soccorso dell’ospedale di Lipari hanno riportato leggere contusioni, un quinto turista è stato ricoverato al Policlinico di Messina per un trauma cranico.

I SOCCORSI

I 4 feriti trasportati al pronto soccorso dell’ospedale di Lipari hanno riportato leggere contusioni, un quinto turista è stato ricoverato al Policlinico di Messina per un trauma cranico.

“Abbiamo effettuato la Tac e gli altri esami previsti in casi di questo genere e sono andati tutti bene. Il ferito ha solo riportato un lieve trauma cranico ed è sotto shock, ma complessivamente le sue condizioni non sono gravi“. A dirlo la professoressa Mara Gioffré, direttrice del Pronto Soccorso del Policlinico di Messina dove è stato trasportato in elisoccorso l’uomo ferito oggi nello scontro tra uno yacht e un vaporetto in mare a Lipari. “Quindi al momento il quadro clinico dell’uomo – prosegue Gioffré – non desta particolari preoccupazioni ma dovrà rimanere in ospedale per 24 ore per sicurezza”.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.