“Eppur si muovono! Storie di uomini e scienziati che hanno reso grande la geologia", il nuovo libro di Roberto Franco :ilSicilia.it

La nuova fatica letteraria del geologo umanista

“Eppur si muovono! Storie di uomini e scienziati che hanno reso grande la geologia”, il nuovo libro di Roberto Franco

di
18 Ottobre 2019

Dopo lo straordinario successo de “La geologia nella Divina Commedia”, opera più premiata in Italia nel 2018, Roberto Franco torna a deliziare i suoi lettori con un nuovo quanto affascinante libro: “Eppur si muovono! Storie di uomini e scienziati che hanno reso grande la geologia”.

Copertina libro Roberto Franco

Si tratta di un viaggio “originale”, lungo cinquecento anni, in compagnia d’insigni personaggi, alcuni dei quali insospettabili studiosi delle Scienze della Terra che con le loro intuizioni hanno “segnato” delle epoche e reso grande la geologia. Dieci uomini con un qualcosa in comune: una sincera ed entusiastica curiosità, l’abitudine ad osservare, la consapevolezza di non possedere a priori la verità. Il titolo è alquanto significativo. “Eppur si muove” è, infatti, la celebre frase che sarebbe stata pronunciata da Galileo al tribunale dell’Inquisizione del Sant’Uffizio, al termine della sua abiura dell’eliocentrismo.

E come Galileo anche Alfred Wegener, almeno secondo la tradizione, avrebbe parafrasato questa frase come risposta alle furiose critiche mosse alla sua teoria della teoria dei continenti. Eppur si muove! Non c’è nulla di più semplice e allo stesso tempo di più complicato della scienza che corre sempre e non arriva mai. La centralità del dubbio assiso a confutare le ipotesi di partenza per tracciare la via all’osservazione, alla sperimentazione, alla verifica e l’incanto del metodo scientifico che, pur alla presenza di unanime consenso, si spinge sempre un po’ più in là alla ricerca di quella comprensione profonda mossa dall’apparire, spesso felicemente inaspettato, di un nuovo dato, di una nuova teoria, di una nuova idea.

L’autore del saggio riconferma il suo naturale talento come apprezzato divulgatore scientifico; il suo libro non è tanto rivolto ad un pubblico di specialisti, quanto piuttosto a chiunque sia vagamente consapevole che la geologia sia anche un’attività culturale, non una ricerca puramente spassionata della verità. Essa riguarda la nostra origine e il nostro futuro ed è una storia così avvincente che vale la pena di essere raccontata. Al pari de “La geologia nella Divina Commedia” anche quest’opera è stata scritta con rigore metodologico e scientifico e proposta con una narrazione lineare e uno stile fluido. Lo dimostra la semplicità con la quale riesce a catturare l’interesse del lettore che lo apprezzerà come la più piacevole, emozionante, stupefacente delle storie. Edito da Bonanno Editore, uno dei marchi più prestigiosi dell’editoria italiana, che diffonde in edizioni particolarmente curate opere di narrativa, poesia e saggistica, avvalendosi della collaborazione di prestigiosi interlocutori editoriali e scientifici.

Roberto Franco, scrittore e saggista. Si laurea in geologia ed è considerato, oggi, un “Geologo Umanista” e uno stimato divulgatore scientifico. Membro della Società Italiana di Geologia Ambientale e presidente del Centro Studi Francescani e Medievali, gli è stata conferita l’alta onorificenza storica “Accademico d’Italia della Storia francescana”. È autore di numerosi saggi e articoli su riviste scientifiche nazionali e internazionali. Ha già pubblicato il pluripremiato La geologia nella Divina Commedia (2017); Alburchia, la montagna incantata. Un contributo della Geoarcheologia alla conoscenza storica tutela e valorizzazione di un sito della Sicilia centro-settentrionale (2011); Patri, Figliu e Spiritu Santu… Viaggio alla scoperta delle preghiere dialettali recitate a Gangi (2006).

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.