Equitazione, torna in Sicilia la storica Coppa degli assi | Video :ilSicilia.it

per la prima volta a Catania

Equitazione, torna in Sicilia la storica Coppa degli assi | Video

14 Ottobre 2019

 

Guarda il video in alto

Ritorna in Sicilia, dopo l’ultima edizione svoltasi a Verona nel 2016, la storica Coppa degli assi, il concorso equestre internazionale di salto a ostacoli. A ospitarlo per la prima volta – dopo le trentadue edizioni svoltesi a partire dal 1976 nel campo che si trova all’interno del Parco della Favorita di Palermo – sarà l’impianto della Tenuta di Ambelia, che sorge sulle colline di Militello in Val di Catania a quaranta chilometri dal capoluogo etneo. Si tratta di un palcoscenico prestigioso e già ben rodato: la Regione Siciliana, che ne è proprietaria, lo ha completamente restaurato in occasione della Fiera mediterranea del cavallo che si è svolta nel maggio scorso e che ha registrato la partecipazione di oltre trentamila visitatori.

A presentare l’appuntamento, giunto alla 34esima edizione e diviso in due tappe – dal 18 al 20 ottobre la prima, dal 13 al 15 dicembre la seconda – è stato il governatore Nello Musumeci. Presenti alla conferenza stampa, nel Palazzo della Regione a Catania, anche la presidente dell’Istituto di incremento ippico Caterina Grimaldi di Nixima, i sindaci di Catania Salvo Pogliese, di Militello in Val di Catania Giovanni Burtone e di Scordia Franco Barchitta, oltre al consigliere nazionale della Federazione italiana sport equestri Ettore Artioli e al consulente di marketing territoriale della Regione Fabrizio Bignardelli.

Questa – ha sottolineato il presidente Musumeci – è la dimostrazione che Ambelia non è stato solo un fuoco di paglia. L’obiettivo è quello di fare un importante impianto di caratura internazionale dello sport equestre, attività scomparsa da anni in Sicilia. Siamo convinti che la Tenuta a cavallo tra Militello e Scordia possa diventare un Polo di richiamo. In tal senso stiamo già lavorando perché la struttura possa essere riconosciuta come internazionale: il progetto per un secondo campo è già pronto e a gennaio dovrebbero partire i lavori“.

La Coppa degli Assi, che si era tenuta per l’ultima volta nell’Isola nel 2011, è il più longevo concorso ippico internazionale d’Italia dopo Piazza di Siena. E il Gran Premio Coppa degli Assi, al quale possono accedere soltanto i migliori binomi, ha visto gareggiare a Palermo cavalieri del calibro dell’azzurro Raimondo D’Inzeo, degli inglesi David Broome e Harvey Smith, del fuoriclasse brasiliano Nelson Pessoa, uno dei più grandi di tutti i tempi e, ancora, dell’elvetico Willi Melliger, del francese Michel Robert o dell’austriaco Anton Martin Bauer. Tutte celebri partecipazioni che fecero prendere al concorso siciliano l’ambizioso appellativo di “mini olimpiade” dell’equitazione. Attualmente sono già 161 i cavalli iscritti per questa nuova edizione.

Nel loro intervento, i tre sindaci hanno sottolineato l’apprezzamento per l’iniziativa della Regione che punta a destagionalizzare il turismo, oltre alla valorizzazione di una struttura che può essere di grande attrazione.

L’ultimo Gran Premio Coppa degli Assi svolto a Palermo è stato vinto dal cavaliere azzurro Emanuele Gaudiano, in sella a Cocoshinsky, che bissò la vittoria ottenuta l’anno precedente mentre a Verona, nell’ultima edizione svoltasi nella cornice di Fieracavalli, a imporsi fu il cavaliere anglosassone Ignace Philips. Alla manifestazione di quest’anno sono già iscritti i componenti delle squadre nazionali giovanili che hanno partecipato a fine agosto alla Coppa delle Nazioni in Polonia.

A sottolineare il grande lavoro svolto dalla Regione ad Ambelia è stato Ettore Artioli. “Con il presidente della Fise Marco Di Paola – ha detto il consigliere nazionale della Federazione – quando un anno fa siamo andati ad Ambelia non credevamo che in così poco tempo si potesse realizzare quello che poi abbiamo trovato a maggio. Questa è la dimostrazione che quando si vuole si possono fare anche cose importanti: un vero atteggiamento di concretezza”.

Il nuovo appuntamento di Ambelia rappresenterà un’altra prestigiosa vetrina per la promozione dell’Isola ed è proprio in quest’ottica che l’Istituto di Incremento Ippico per la Sicilia e Veronafiere hanno predisposto un Protocollo d’intesa, che sarà firmato in occasione di Fieracavalli 2019 in programma a novembre, con il quale si impegnano, nell’ambito delle rispettive manifestazioni, a collaborare nelle strategie di valorizzazione dei territori e del turismo.

Attraverso lo svolgimento di attività e di eventi ippici ed equestri – recita l’intesa – sarà possibile realizzare opportunità trasversali che coinvolgano le eccellenze dei territorio interessati che dovranno generare ricadute economiche e di comunicazione di livello internazionale”.

In questo senso, il vincitore del Gran premio “Fastweb” – in programma il 20 ottobre – parteciperà di diritto al concorso internazionale di Verona, mentre il secondo e terzo classificato saranno ammessi al concorso nazionale “121×121”. Di contro, i primi cinque in graduatoria a Verona potranno partecipare alla Coppa degli assi, prevista ad Ambelia il 15 dicembre.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.