20 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.36

Il 22 e il 23 dicembre

“EricèNatale – Il borgo dei Presepi” fra tradizione e divertimento [Il programma]

22 Dicembre 2018

Ad “EricèNatale – Il borgo dei presepi”, il weekend, dal 22 al 23 dicembre, è all’insegna del suono della zampogna con musiche e parole della tradizione natalizia e, ancora, divertimento e sport. Si comincia con il Christmas Downhill Fest, dalle 10 : una sfilata di “Babbi Natale” in bici per le vie del borgo e a valle e si continua nel pomeriggio con gli zampognari che scalderanno il cuore delle persone con le nenie del Natale. Sabato 22 dicembre, alle 18, nella Chiesa di San Martino il concerto con il Gruppo “Coro Città di Trapani” con “Il canto paraliturgico nella tradizione popolare siciliana”: un repertorio di canti paraliturgici, natalizi e religiosi, medievali e rinascimentali, tratti dalla raccolta di Alberto Favara “Corpus di musiche popolari siciliane”.

Domenica 23 dicembre, alle 18, nella Chiesa di San Martino un originale concerto del duo “Sonantiqua” composto dai musicisti Pietro Cernuto e Alessandro Mazziotti con zampogna e strumenti popolari. Uno spettacolo originale con saperi, tradizioni e culture millenarie che si incontrano con nuovi linguaggi musicali. Il repertorio comprende e alterna arrangiamenti di brani appartenenti alla musica di tradizione popolare italiana, cercando di mettere in evidenza soprattutto i diversi stili e linguaggi rintracciabili nei molteplici balli, nei ritmi e nei canti, radicati nelle culture musicali dell’Italia, culla del Mediterraneo.

I PRESEPI E I MERCATINI
Sarà possibile ammirare i presepi sparsi per il borgo in un percorso affascinante e tutto da scoprire. La bellezza dei presepi è affiancata dalla vivacità dei Mercatini di Natale in Piazza della Loggia con le tipiche casette di legno con oggetti di artigianato locale e specialità gastronomiche. Nel cortile di Palazzo Sales, una vera e propria installazione con l’albero di Natale realizzato nel 2015 dallo scenografo Marcello Di Carlo, costruito assemblando legname riciclato proveniente dallo smontaggio di scenografie cinematografiche ed illuminato da fari led a basso consumo energetico, in una suggestiva ambientazione sonora con le musiche originali del compositore Marco Rosano.

LA MOSTRA
Una straordinaria mostra dal titolo “RossoCorallo e l’Arte Presepiale del Maestro Platimiro Fiorenza”, è visitabile negli spazi del Polo Museale “A. Cordici”. Una selezione di presepi in corallo ed una mostra fotografica curata da Stanislao Savalli. Maestro d’arte Trapanese Platimiro Fiorenza è fra i più rinomati maestri che attualmente tengono viva a livello internazionale la secolare tradizione del corallo, è un’eccellenza, un vero e proprio patrimonio siciliano, il cui valore è stato riconosciuto persino dall’Unione Europea, infatti il maestro è stato inserito nel R.E.I. (Registro delle Eredità Immateriali). Nelle sue opere tradizione e innovazione si perdono in un unicum di impareggiabile bellezza, l’inventiva si coniuga sempre, in queste opere, con la fedeltà alle tecniche tradizionali. La mostra, curata da Rosadea Fiorenza, sarà aperta tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 20:00 (tranne il 24/12 ore 10-18; il 25/12 ore 16-20; il 31/12 ore 10-18; il 1/01 ore 16-20).

CALENDARIO E ORARI DI APERTURA DEI MERCATINI:
dal 22 dicembre al 6 gennaio dalle ore 11.00 alle ore 20.00 (esclusi 24 dicembre dalle 11.00 alle 18.00; 25 dicembre dalle ore 16.00 alle ore 20.00; 31 dicembre dalle 11.00 alle 18.00).

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Ho Rivalutato la Dea Eupalla

Questa settimana i miei contatti sui social mi hanno visto molto partecipe delle vicende legate alla sorte della squadra di calcio della mia città dando l’impressione più di essere un contradaiolo che un pacifico e tranquillo ingegnere che periodicamente si passa il tempo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.