Eritrei in fuga a nuoto dalla Diciotti :ilSicilia.it

hanno chiesto asilo politico

Eritrei in fuga a nuoto dalla Diciotti

di
26 Agosto 2018

Mancavano i numeri 166 e 123, quelli attribuiti a due migranti di nazionalità eritrea, di 30 e 19 anni, ieri sera alla lista di persone identificate dalla polizia durante lo sbarco dalla nave Diciotti. Erano riusciti a fuggire dal pattugliatore della Guardia costiera calandosi lato mare e raggiungendo la riva a nuoto.

A ricostruire quanto accaduto e’ “Il Fatto Quotidiano, notizia confermata in ambienti qualificati, che ha raccolto la testimonianza fatta dai due: “Nuotavamo tra la nave e la banchina, rischiavamo di farci schiacciare e passando sotto i pontili ci siamo graffiati con degli ami. Per tre volte abbiamo tentato di risalire sulla banchina, ma c’era sempre la polizia”.

Alla fine i due giovani migranti sono riusciti a andare via dal porto, hanno strappato i braccialetti con i numeri per non farsi riconoscere e incontrando altri eritrei, sono stati messi in contatto con un avvocato che si occupa di Ong. Il penalista che li assiste ha inoltrato richiesta di asilo politico per i suoi clienti tramite Pec.

In totale sono 135 i migranti che, sbarcati dal pattugliatore Ubaldo Diciotti, sono partiti nella notte da Catania con destinazione l’hot-spot di Messina. Al momento dell’identificazione, ieri notte sul Molo di Levante, due di loro si sono dichiarati minorenni. Il Comune, attraverso i servizi sociali, è riuscito a trovare loro alloggio all’alba in una comunità di accoglienza etnea. Tutti sono stati trasferiti a Messina con un bus della polizia di Stato e due dell’aviazione militare di stanza a Sigonella.

 

Leggi anche:

Caso Diciotti, sbarcati nella notte tutti i migranti dalla nave

Caso Diciotti, indagato Salvini. Lui replica: “Vergogna, non ci fermeranno”. Atti al tribunale dei ministri

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin