Erosione del suolo: dalla Cina a Palermo, esperti a confronto | FOTO :ilSicilia.it
Banner Bibo

il workshop all'ateneo di Palermo

Erosione del suolo: dalla Cina a Palermo, esperti a confronto | FOTO

di
21 Maggio 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO

L’erosione del suolo è una delle più importanti minacce ambientali e, a livello europeo, il costo della erosione del suolo è stimato in 40 miliardi di euro. Questi i dati più eclatanti che sono emersi in occasione di un workshop che si è svolto lunedì 20 maggio presso l’aula magna del dipartimento SAAF (Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali) dell’Università di Palermo è che ha visto il coinvolgimento di studiosi della Northwest A&F University (Yangling, China), della Beijing Normal University e del dipartimento SAAF del nostro Ateneo.

Il Prof. Vincenzo Bagarello, Ordinario di Idraulica agraria, ha relazionato sulle più recenti tecniche concernenti il monitoraggio e la predizione della erosione idrica evidenziando come sia preoccupante la situazione nella nostra regione. La prof.ssa Yun Xie, docente presso la Beijing Normal University, ha illustrato i risultati di studi condotti nel nord-ovest della Cina, ove la fertilità naturale dei cosiddetti “black soils” è stata nel tempo ridotta notevolmente dall’erosione.

Di notevole interesse i dati presentati dal prof. Peng Gao docente presso la Northwest A&F University di Yangling che ha evidenziato come, a seguito di interventi mirati al ripristino della copertura vegetale, l’erosione nell’area del bacino del fiume giallo si sia notevolmente ridotta negli ultimi 50 anni. Sulla stessa lunghezza d’onda l’intervento dei prof. Giuseppe Di Miceli e Mauro Sarno che hanno evidenziato il ruolo delle “cover crops” nel contrasto del fenomeno erosivo, soprattutto nella nostra regione.

I lavori del workshop sono stati conclusi dal prof. Li Riu, Presidente della World Association for Soil and Water Conservation (WASWAC) e dal Prof. Carmelo Dazzi, Presidente della European Society for Soil Conservation (ESSC). Quest’ultimo in particolare, nel ringraziare gli ospiti cinesi ha sottolineato l’importanza degli accordi di collaborazione siglati nella sede del Rettorato dal Rettore, prof. Fabrizio Micari, e rispettivamente dal Prof. Wu Pute, Presidente della Northwest A&F University e dal Prof. Feng Hao, Direttore dello Institute of Soil and Water Conservation.

“Si tratta di accordi – ha sottolineato il prof. Dazzi – che prevedono la collaborazione tra le istituzioni coinvolte per programmi di mobilità di ricercatori, docenti e laureati, per la realizzazione di percorsi formativi concordati, volti anche al rilascio di titoli congiunti e che prevedono inoltre la partecipazione comune a bandi promossi dalla commissione europea o dal Ministry of Science and Technology of China”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin