Ersu Palermo, Di Miceli: "Consolidiamo risultati per una nuova Città universitaria" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Le dichiarazioni del Presidente di Ersu Palermo

Ersu Palermo, Di Miceli: “Consolidiamo risultati per una nuova Città universitaria” | VIDEO

di
20 Luglio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il cambiamento culturale e sociale di una città come Palermo, non può prescindere dal rilancio di uno dei profili più importanti: l’Università, intesa come offerta formativa e servizi per gli studenti. Ne è convinto Giuseppe Di Miceli, Presidente dell’Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario – Palermo.

Si parte da un dato: nel 2021 Ersu Palermo ha erogato il 100 per cento delle borse di studio agli universitari aventi diritto. Un risultato impensabile fino a qualche anno fa ma che va consolidato con una programmazione precisa. “Quello che i giovani  si aspettano da noi – dice Di Miceli – è la prospettiva, vogliono sapere cosa ci sarà dopo. Il meccanismo della premialità del Fondo integrativo del Ministero prevede infatti che più borse di studio arrivano agli studenti, più sono i soldi erogati dallo Stato. lavoriamo per mantenere i risultati ottenuti in poco più di un anno di lavoro”.

I benefici economici ed i servizi offerti dall’Ersu attribuiti per concorso (borsa di studio e borsa di studio riservata; contributo economico per mobilità internazionale e “premio di laurea”; servizio abitativo), attribuiti extraconcorso (servizio ristorativo e servizi culturali) e straordinari (sussidio straordinario e posto letto straordinario), consentono alla collettività studentesca, un diritto allo studio più equo e basato sul merito.

Molto importanti, soprattutto per i fuorisede, i piani sulla residenzialità. Oltre ai 30 nuovi posti letto inaugurati lo scorso luglio in occasione della Prima Giornata del Diritto allo Studio Universitario in Sicilia, potrebbero esserci in futuro altre novità. “A questo proposito, abbiamo dei programmi sulla residenzialità di medio e lungo termine che dovrebbero dare dei risultati di grande interesse per la collettività studentesca”, precisa il presidente di Ersu Palermo.

Puntare sui giovani e sulla crescita culturale è un obiettivo ambizioso ma che richiede visione, soprattutto se si considera il fatto che oggi, l’Italia, è un passo indietro a molti paesi europei rispetto al numero di laureati a livello. Le misure adottate dall’Ersu Palermo e dall’Assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione Professionale, Roberto Lagalla che, ricorda Di Miceli, proviene dal mondo accademico, permetteranno ai giovani siciliani che si scrivono all’università, alle accademie, ai conservatori, di poter studiare con maggior tranquillità.

Il momento storico che stiamo vivendo, di certo non aiuta anzi, è evidente che la pandemia ha ulteriormente complicato le problematiche economiche e sociali del nostro Paese. E allora, cosa devono aspettarsi gli studenti siciliani dall’Ersu di Palermo?

“Più che parlare di nuovi servizi – prosegue Di Miceli –  puntiamo ad ottimizzare quelli già esistenti. Andiamo verso una maggiore digitalizzazione, verso il  risparmio energetico e, all’interno dell’Ersu verso livelli di break even per investire ancora di più nei segmenti della formazione, nel supporto agli studenti per un migliore ambiente di studio”. Giuseppe Di Miceli ha infine ricordato che il periodo universitario, rappresenta spesso una fase delicata per i ragazzi che per la prima volta affrontano una serie di problemi complessi legati a un nuovo approccio allo studio e alla socializzazione. “Contribuiamo a creare il cittadino del futuro e in più, dobbiamo pensare al rilancio della città universitaria sotto questo profilo. Per questo, ci aspettiamo grande collaborazione dalle istituzioni che governano il territorio”, ha concluso Di Miceli.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.