Ersu Palermo, Di Miceli: "Consolidiamo risultati per una nuova Città universitaria" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Le dichiarazioni del Presidente di Ersu Palermo

Ersu Palermo, Di Miceli: “Consolidiamo risultati per una nuova Città universitaria” | VIDEO

di
20 Luglio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il cambiamento culturale e sociale di una città come Palermo, non può prescindere dal rilancio di uno dei profili più importanti: l’Università, intesa come offerta formativa e servizi per gli studenti. Ne è convinto Giuseppe Di Miceli, Presidente dell’Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario – Palermo.

Si parte da un dato: nel 2021 Ersu Palermo ha erogato il 100 per cento delle borse di studio agli universitari aventi diritto. Un risultato impensabile fino a qualche anno fa ma che va consolidato con una programmazione precisa. “Quello che i giovani  si aspettano da noi – dice Di Miceli – è la prospettiva, vogliono sapere cosa ci sarà dopo. Il meccanismo della premialità del Fondo integrativo del Ministero prevede infatti che più borse di studio arrivano agli studenti, più sono i soldi erogati dallo Stato. lavoriamo per mantenere i risultati ottenuti in poco più di un anno di lavoro”.

I benefici economici ed i servizi offerti dall’Ersu attribuiti per concorso (borsa di studio e borsa di studio riservata; contributo economico per mobilità internazionale e “premio di laurea”; servizio abitativo), attribuiti extraconcorso (servizio ristorativo e servizi culturali) e straordinari (sussidio straordinario e posto letto straordinario), consentono alla collettività studentesca, un diritto allo studio più equo e basato sul merito.

Molto importanti, soprattutto per i fuorisede, i piani sulla residenzialità. Oltre ai 30 nuovi posti letto inaugurati lo scorso luglio in occasione della Prima Giornata del Diritto allo Studio Universitario in Sicilia, potrebbero esserci in futuro altre novità. “A questo proposito, abbiamo dei programmi sulla residenzialità di medio e lungo termine che dovrebbero dare dei risultati di grande interesse per la collettività studentesca”, precisa il presidente di Ersu Palermo.

Puntare sui giovani e sulla crescita culturale è un obiettivo ambizioso ma che richiede visione, soprattutto se si considera il fatto che oggi, l’Italia, è un passo indietro a molti paesi europei rispetto al numero di laureati a livello. Le misure adottate dall’Ersu Palermo e dall’Assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione Professionale, Roberto Lagalla che, ricorda Di Miceli, proviene dal mondo accademico, permetteranno ai giovani siciliani che si scrivono all’università, alle accademie, ai conservatori, di poter studiare con maggior tranquillità.

Il momento storico che stiamo vivendo, di certo non aiuta anzi, è evidente che la pandemia ha ulteriormente complicato le problematiche economiche e sociali del nostro Paese. E allora, cosa devono aspettarsi gli studenti siciliani dall’Ersu di Palermo?

“Più che parlare di nuovi servizi – prosegue Di Miceli –  puntiamo ad ottimizzare quelli già esistenti. Andiamo verso una maggiore digitalizzazione, verso il  risparmio energetico e, all’interno dell’Ersu verso livelli di break even per investire ancora di più nei segmenti della formazione, nel supporto agli studenti per un migliore ambiente di studio”. Giuseppe Di Miceli ha infine ricordato che il periodo universitario, rappresenta spesso una fase delicata per i ragazzi che per la prima volta affrontano una serie di problemi complessi legati a un nuovo approccio allo studio e alla socializzazione. “Contribuiamo a creare il cittadino del futuro e in più, dobbiamo pensare al rilancio della città universitaria sotto questo profilo. Per questo, ci aspettiamo grande collaborazione dalle istituzioni che governano il territorio”, ha concluso Di Miceli.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin